Mercoledì, Luglio 17, 2024
Gianfranco Trabuio

Gianfranco Trabuio

Mercoledì, 10 Luglio 2024 15:58

CAPITELLO ALLA DIVINA MISERICORDIA

UN'OPERA D'ARTE A OLMO DI MARTELLAGO

 

PARROCCHIA DELL’ANNUNCIAZIONE IN OLMO-MARTELLAGO

GRUPPO DI DEVOZIONE ALLA DIVINA MISERICORDIA

 

STORIA DI UNA DEVOZIONE E DI UN CAPITELLO

 

Il Gruppo della devozione alla Divina Misericordia è sorto formalmente a ottobre 2010 su iniziativa di Mara Mariga, di alcune amiche e del marito Gianfranco Trabuio, dopo aver ricevuto l’autorizzazione del parroco, don Tarcisio Milani, che a sua volta l’aveva richiesta al Vicario Generale della diocesi di Treviso.

L’idea era maturata a seguito di una omelia che don Tarcisio aveva tenuto durante una Santa Messa officiata al capitello della Madonna, alla fine di maggio, in via Calvi e riguardante la preghiera di intercessione.

Così, sulla scorta di quella importante riflessione sulla preghiera di intercessione un gruppo di persone devote alla Divina Misericordia hanno iniziato un cammino di preparazione, che si è concluso a ottobre con l’inizio della devozione nella chiesa parrocchiale.

Gli antefatti che hanno portato alla nascita di questo Gruppo di devozione sono nell’ordine:

  1. I pellegrinaggi effettuati al Santuario della Madonna di Rosa a San Vito al Tagliamento, officiato dai frati francescani minori, dove negli anni ’50 padre Raimondo Padrin aveva fondato il Segretariato Nazionale della Divina Misericordia, e dove pubblicava un notiziario in migliaia di copie divulgato in tutta Italia e in particolare agli emigrati friulani. I pellegrinaggi erano guidati da fra Aldo Tonini o.f.m. all’epoca Commissario della Custodia Francescana di Terra Santa, coadiuvato da Gianfranco Trabuio vicepresidente della Associazione Amici di Terrasanta del Triveneto. Associazione fondata dal vescovo di Treviso monsignor Antonio Mistrorigo quando era priore dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro per il Veneto.
  2. Il 6 marzo 1959 il Santo Uffizio emanava un decreto col quale vietava che si praticasse la devozione alla Divina Misericordia poiché sosteneva non essere di natura soprannaturale le rivelazioni che Gesù aveva fatto a suor Faustina Kowalska. Questo non impediva ai laici del Segretariato Nazionale della Divina Misericordia di San Vito al Tagliamento di continuare nella loro attività.
  3. Successivamente nel 1978 e poco prima di essere eletto papa, il cardinale Karol Wojtila arcivescovo di Cracovia indusse il Santo Uffizio a revocare il decreto che vietava la devozione alla Divina Misericordia alla luce delle scoperte fatte sulle rivelazioni di Gesù a suor Faustina.
  4. Suor Faustina Kowalska morì a 38 anni nel 1938. Il 22 febbraio 1931 scrisse nel suo Diario come Gesù apparendole benedicente e con i due raggi bianco e rosso che gli uscivano dal costato, le ordinava di far dipingere su tela quell’immagine come le appariva e di divulgare al mondo la devozione alla Sua Divina Misericordia. Gesù le disse anche che voleva che quell’immagine venisse benedetta nella prima domenica dopo Pasqua e che quella doveva essere la Festa della Misericordia divina.
  5. Papa Giovanni Paolo 2° il 18 aprile 1993 proclamava beata suor Faustina e la proclamava santa il 30 aprile 2000, anno del Grande Giubileo. Ambedue quelle domeniche erano quelle in Albis poi divenute della Divina Misericordia.
  6. Alla canonizzazione quel giorno a Roma era presente Mara con altre persone devote che poi iniziarono il cammino di devozione nella parrocchia dell’Annunciazione in Olmo.

Pertanto dall’ottobre 2010 a oggi il gruppo si è sempre trovato in chiesa tutti i lunedì sera alle 20.30 per pregare e per imparare a conoscere la nostra religione. Ogni lunedì sera vengono portate alla Divina Misericordia le intenzione di preghiera nella forma della intercessione. Le persone attualmente partecipi a questa devozione provengono sia da Olmo che da Maerne e da Trivignano.

Ogni lunedì sera il responsabile del gruppo, Gianfranco Trabuio, prepara una pista di riflessione che contiene sia canti che preghiere e meditazioni sulle scritture o sulle vite dei santi.

PERCHÉ UN CAPITELLO.

A febbraio 2023 Gianfranco lasciandosi ispirare dallo Spirito ebbe l’idea di realizzare un’opera che potesse ricordare la moglie Mara per le sue importanti e numerose iniziative a beneficio della Parrocchia dell’Annunciazione di Olmo.

Quando a seguito di un sondaggio tra i parrocchiani nel 1983 emerse la necessità di avere una vera chiesa accogliente per la popolazione che stava aumentando grazie alle nuove lottizzazioni urbanistiche, il parroco don Franco Zanon, coadiuvato dai suoi collaboratori, decise di assegnare il progetto della nuova chiesa all’architetto e frate francescano minore fra Angelo Polesello, si presentarono subito enormi difficoltà finanziarie per poter procedere alla costruzione.

Fu così che Mara e Gianfranco ebbero l’idea di realizzare in quegli anni numerose iniziative commerciali volte a ricavare le lire per poter pagare le imprese nella costruzione.

Molti, ricordano ancora le mostre dell’artigianato orientale in collaborazione con l’azienda Graziano Zurlo di Cittadella, le mostre dei tappeti persiani in collaborazione con i fratelli Orler di Favaro Veneto, addirittura un anno dedicato al mercatino dell’antiquariato di Badoere dove insieme agli amici Cristina e Paolo Bernardi veniva venduta l’oggettistica di pregio fornita anche dai parrocchiani. A queste iniziative seguivano altre numerose tutte volte a consegnare al parroco il ricavato sostanzioso per il progetto così bello e importante che oggi si può ammirare.

Una in particolare fu realizzata in occasione del Giubileo dell’anno 2000, quando fu commissionata all’architetto Francesco Lucianetti il conio di una medaglia commemorativa in argento e in bronzo che fu venduta con successo a collezionisti e parrocchiani, su prenotazione. Nell’anno 2000 ricorreva anche il giubileo della fondazione della Parrocchia avvenuta nel 1975.

Ora, il prototipo di quella medaglia si trova incastonato nella parete ovest della chiesa a memoria della coincidenza dei due giubilei.

Con queste premesse a febbraio 2023 Gianfranco propose al parroco don Tarcisio Milani l’idea di costruire un capitello dedicato alla Divina Misericordia per ricordare Mara Mariga, da edificare nell’aiuola prospiciente l’abitazione della famiglia in via Tito Speri all’altezza del civico 27, tutto finanziato dalla famiglia Trabuio.

Don Tarcisio approvò l’idea con entusiasmo affermando che così finalmente anche Olmo poteva avere un capitello.

Sulla scorta di questa importante decisione Gianfranco ha contattato l’architetto Massimiliano Manchiaro, noto anche per la sua multiforme attività artistica, il quale con altrettanto entusiasmo ha accettato la proposta e dopo una settimana aveva già realizzato il plastico del capitello.

Da subito Massimiliano ha affermato che per la sua opera non intendeva essere compensato perché l’idea era troppo bella e stimolante per la sua creatività, e infatti l’opera è certamente originale e ricca di simboli che saranno illustrati nel prosieguo della storia in questo libretto.

E da qui è iniziato il percorso amministrativo per chiedere al Comune di Martellago la concessione in uso della porzione di aiuola e l’autorizzazione per la edificazione del manufatto. Il percorso si è concluso a ottobre 2023 con la firma della convenzione stipulata tra il Comune e la famiglia Trabuio.

L’architetto Manchiaro, poi, ha scelto l’impresa del signor Ulisse Minello per la parte muraria e il signor Ulisse Minello ha scelto l’azienda DR di Sauro De Rossi per la costruzione metallica.

A questo punto non rimaneva che decidere quale tipo di immagine porre al’interno della costruzione. Dopo una breve analisi del problema Gianfranco ha proposto a Massimiliano che si poteva ben adattare al progetto artistico un mosaico che rappresentasse Gesù Misericordioso, e l’artista ha condiviso in pieno l’idea.

 Il bello dell’impresa arriva adesso. Dove trovare il mosaicista per l’esecuzione dell’immagine?

Riandando ai trascorsi pellegrinaggi alla Madonna di Rosa di San Vito al Tagliamento con Mara e fra Aldo Tonini con gli Amici di Terra Santa, Gianfranco si ricordò degli stupendi mosaici realizzati negli altari del Santuario e in particolare quello dedicato alla Divina Misericordia. Così dopo gli opportuni contatti con la signora del Segretariato Nazionale della Divina Misericordia è stato rintracciato l’autore: il maestro Rino Pastorutti, già direttore per 40 anni della Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo. E così a questo valente artista è stata commissionata l’opera che con raro entusiasmo è stata realizzata. Infatti col Maestro e Gianfranco si è creata una empatia così forte che solo se guidati dall’ispirazione divina si può formare.

Il Maestro col figlio Sergio sono attualmente impegnati in opere musive in tutto il mondo talmente alta e la loro preparazione tecnica e la loro creatività artistica.

CAPITELLO 1 Copy 3

Nel prosieguo dei lavori di costruzione del sacello l’architetto Manchiaro ha suggerito a Gianfranco che sulla parete metallica ci potevano stare incisi dei versi di alcune sue poesie e così il poeta ha scelto alcuni versi di queste poesie scritte e pubblicate nei canzonieri dell’autore.

Eccole:

FOGLIE, pubblicata nella raccolta “La terra, la laguna, l’amore”, editrice Rebellato, Fossalta di Piave, 1984.

Ho visto le foglie d’autunno

cadere nel sole

baciava la terra brumosa

il sole

il vento non c’era

e l’alito di vita ultimo

spirava  con la foglia

in quel cielo profondo

e bambini lontani

di grida empivano

quel vuoto di cielo.

Volevo essere una foglia

posarmi leggera sull’erba

tornare alla terra materna

sotto i raggi dell’ultimo sole.

AQUERÒ (Lourdes) pubblicata nella raccolta Primavera di speranza, editrice Piazza di Silea, 2010

Sempre folle è la corsa

all’andata come al ritorno

i pensieri turbano la vita

il quotidiano disastrato

vivere alla rincorsa stanca

cerchi quel rifugio tra i monti

la quiete dei boschi intorno

il gorgoglio frusciante del rio

ecco il dono di Aquerò

la pace

la preghiera

come un immenso monastero

e lì ci incontriamo

noi vagabondi

il cuore rigonfio dei nostri pensieri

dei nostri dolori

e uniamo insieme le voci

di lode e di pianto

abbracciati in una catena

di mani e di cuori

così la supplica sale al cielo

rapida come le volute dell’incenso

le porta al Padre

e delle voci rimane l’eco

dentro i nostri cuori

affranti e spossati

ma c’è una speranza.

 

Un pensiero del parroco don Tarcisio Milani

Una speciale dimora nel territorio

Sono profondamente felice di veder realizzato un nuovo Capitello nel territorio di questa Comunità di Olmo, dedicato alla “Divina Misericordia”. E’ una piccola “dimora” vicina e prossima alle nostre case che ci dice che non siamo mai soli o dimenticati, ma che c’è una presenza misteriosa che ci accompagna e ci dà luce e speranza nel nostro cammino.

Un capitello che incontriamo nelle nostre strade, spesso vissute in modo frettoloso, presi come siamo da tanti impegni, attività e corse è un dono bello, inaspettato e prezioso che ci dà l’opportunità di incontrarci e di vivere autentiche relazioni.

A noi uomini e donne post moderni, ci aiuta a riscoprire sempre di più l’importanza di uno sguardo dentro di noi per nutrirci e alimentarci di valori umani e religiosi per il nostro vissuto quotidiano e a rispondere al nostro cuore inquieto e sempre in ricerca ai tanti interrogativi che la vita ci pone.

La dedica al “Dio della Misericordia”

E’ una dedica suggestiva, speciale e puntuale, ricca di motivi e di messaggi per ognuno di noi. La parola “Misericordia” coniuga insieme “miseria e cuore”. Tutti noi facciamo l’esperienza del nostro limite e della nostra fragilità, specie dentro questa società smarrita, violenta e purtroppo disumana in cui sembra prevalere l’odio e la violenza alla fraternità, al rispetto dell’altro e alla cura reciproca.

Nel contempo c’è un “Cuore”: lo sguardo di Dio. Non è il volto di un Dio che condanna, che punta il dito e che giudica noi peccatori, ma è un Dio che mostra tenerezza, delicatezza e pazienza che apre i nostri cuori alla Riconciliazione. E’ una mano aperta e accogliente che desidera rialzarci e aprirci, ricca di fiducia e coraggio per il  nostro nuovo domani (“alzati e cammina” è una parola  diffusa nella bocca di Gesù).

La devozione alla “Divina Misericordia” è stata una grande e centrale intuizione nella vita della santa Faustina Kowalska, religiosa polacca e profondamente e fortemente caldeggiata dal papa Giovanni Paolo II nel suo ministero papale.

Vorrei esprimere il mio e della parrocchia grazie riconoscente per chi ha  sognato e pensato il Capitello, per chi ha dato la disponibilità del terreno, per chi l’ha progettato e per chi l’ha costruito.

 

La voce del progettista e direttore dei lavori, architetto Massimiliano Manchiaro

«Trasmettete al mondo il fuoco di Gesù Misericordioso. Siate per tutti un segno della sua presenza in mezzo a voi».  

Papa Francesco consegna un compito importante nel 90° della manifestazione di Gesù a Santa Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia, che nella cella del convento di Płock della Congregazione delle suore della Beata Vergine Maria della Misericordia, ricevette dal Signore l’impegno di rendere universale l’immagine della “Divina Misericordia” dipingendo un quadro con la didascalia: “Gesù confido in te”. 

Il messaggio lasciato in eredità a Santa Faustina è chiaro: bisogna amplificare nel mondo questo culto che ha nel sentimento della misericordia e della totale fiducia nel figlio di Dio il suo primo motore.  Il culto della “Divina Misericordia” trova la sua prima e concreta attuazione nella venerazione dell’Immagine di Gesù Misericordioso.

Quanto detto è pienamente in linea con il messaggio che San Giovanni Paolo II pronunciò nel 2002 presso il Santuario della Divina Misericordia: «Il fuoco della misericordia deve essere comunicato al mondo. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace e l'uomo la felicità». 

Queste le parole alla base e fondamento dell’idea progettuale!

Nel luogo, individuato in una piccola porzione di verde pubblico esistente in via Tito Speri (circa 18 mq), l’amico Gianfranco mi chiede di progettare un capitello votivo che riporti al suo interno la sacra immagine della “Divina Misericordia”.

La composizione architettonica privilegia la migliore visibilità e riconoscibilità del manufatto con il minimo utilizzo di area pubblica, sfruttando pure la presenza di un marciapiede ad est.

Quindi ho intenzionalmente allontanato il manufatto dal filo interno del marciapiede esistente ruotandolo in senso Nord-Ovest e Sud-Est per aumentare il raggio di visione di fronte all’immagine sacra ed allontanare l’elemento di disturbo visivo costituito dal palo di illuminazione esistente che in tal modo viene preservato nella sua attuale posizione come pure l’aiuola divisionale.

                      

Su questa griglia ortogonale ruotata ho impostato la forma triangolare del capitello; chiaro riferimento alla Trinità. La sua forma isoscele aumenta la tensione emotiva verso l’alto.

Il triangolo è dunque il fondamento statico dell’alzato, ma per alleggerirne l’anima e porre in evidenza la figura centrale della Divina Misericordia, la superficie viene sottoposta ad una serie di forature che seguono le linee di tensione interne al materiale.

La protezione dell’immagine sacra, verso nord, viene assicurata da una superficie realizzata con una doppia parete in AQUAPANEL, trattato con un intonaco a doppio strato su rete minerale appositamente studiato e preparato dalla ditta FASSA BORTOLO di Spresiano (TV).

La pannellatura si raccorda con un sistema a zanche in acciaio al basamento in cemento armato con finitura superficiale al quarzo e con tinta grigia chiara. Il basamento sporge leggermente dal dado di fondazione per aumentare il senso di leggerezza e “sospensione” del capitello. 

Il fronte sud è stato completato da una lastra in metallo trattata tipo CORTEN sulla quale viene simulata la crescita di una ramificazione vegetale dalla quale “fioriscono” frasi poetiche estratte dalle opere del committente.

L’inserimento urbano del manufatto è completato dalla sistemazione dell’area contermine rimanente, sino alla concorrenza dei 18 mq convenzionati, mediante la piantumazione di arbusti a lenta crescita e la realizzazione di un sistema drenante perimetrale atto a garantire la protezione delle superfici del capitello dalla pioggia di rimbalzo.

           

Simulazione di studio da nord

          vista da nord

 

Il fulcro della composizione è costituito dalla “camera sacra” ove è collocata l’immagine a mosaico della Divina Misericordia.

Per questa importante impresa ci siamo affidati alle abili e sapienti mani del maestro mosaicista Rino Pastorutti, già insegnante di tecnica musiva presso varie scuole di mosaico di Spilimbergo oltre che Direttore della prestigiosa Scuola di Mosaico della città friulana.

La “trama metallica” disgregata nei fori, ci accompagna lentamente alle forme “luminose” e cangianti delle tessere colorate che, accostate le une alle altre, si compongono nell’emozione luminosa costituita dall’ordito musivo.

La severa forma triangolare della struttura diventa quindi congruente con l’arte più profonda espressa dal mosaico: «…un’arte severa e disciplinata, dove tutto deve essere predisposto sin dall’inizio e non può avere a che fare con il caso o con l’automatismo, tanto è affascinante tanto è difficile…» M° Gino Severini

                                

UN PENSIERO DALL’INTERNO DELL’OFFICINA, Federica Fontana

 FERRO

È così freddo, rigido, forte…. Eppure, qualcuno l’ha scelto per donarti riparo

dalle intemperie.

Proprio per te Gesù che hai scelto di fermarti da noi, di visitarci e incontrarci

nei cuori.

Come sono strani i tuoi modi,

occasioni inaspettate in cui tu bussi.

Ci possiamo provare mentre nella tua maestosa e silenziosa presenza testimoni Misericordia, Invito a confidare in Misericordia, invito a confidare in te.

Nei frastuoni e nelle fatiche immense delle nostre vite,

Tu silenzioso e luminoso apri il Tuo costato

ed irradi sangue e acqua per placare questo rumore….

Hai bisogno che Ti custodiamo,

Hai bisogno delle nostre mani per sorreggerTi,

perché hai trovato spazio in quest’ angolo di Paese

che da anni si raccoglie inginocchiandoSi davanti a Te.

Resta Gesù, noi confidiamo in Te.

Possano i nostri figli, i nostri nipoti, le generazioni future conoscere

il Tuo infinito amore.

Possano le preghiere qui incise e bullonate nel ferro restare sigillate

tanto che brilleranno nei giorni di sole quanto nei giorni di pioggia

e accoglieranno il fedele pellegrino che camminando troverà ristoro.

Incrocerà i Tuoi occhi ed il Tuo cuore e riscalderai i suoi pensieri

come altrettanto alzerai ad altare questa semplice e fredda lamiera.

 

 

UN POETA DI PASSAGGIO, Livio De Rossi

 Preghiera-poesia

“ Giunge dal Cielo l’ ispirazione di un’ anima buona

ed il marito s’ impegna a testimoniare con l’ opera umana

il Divin che si cela nel Sacro Nirvana.

Dar prova a riprodur in ferro, in acciaio , in mosaico multicolore

l’ immagine soprannaturale di Nostro Signore

e vennero artefici ispirati a darsi convegno

Intenti a studiar l’ ambizioso disegno.

Molto operarono con il senno

molto operarono con la mano

e l’ opera che vedete è il risultato di un impegno cristiano.

E la fede che alberga nei cuori di loro

Li spronò , li guidò al capolavoro.

Oh popolo, ferma davanti al bel capitello il tuo passo, di grazia

chiedine con fede all’ effigiato Signore

umilmente in preghiera la grazia.

Se soffre il tuo cuore di qualche disgrazia , di qualche dolore

fermati a segnarti con la croce

chiedendo al Signore la grazia con umil voce.

Concorsero alla creazione del celestial monumento

il fabbro coi familiari suoi e gl’ operai ispirati dal religioso sentimento.

In lungo pregare

perché scenda la suprema benedizione sul loro operare.

Chè non manchi della Sua assistenza

la Divina Provvidenza

a concorrere in nostra azione

l’ opera della Divina Redenzione.”

 

 IL MAESTRO DEL MOSAICO

                   foto pastorutti trabuio 1

                 Il maestro Rino Pastorutti mentre illustra a Gianfranco la sua strategia

 ... “ L’arte del mosaico è caratterizzata dall’unione armonica di pezzetti di vetro combinati in modo da formare un disegno una immagine su una superfice.

    Le proprietà del mosaico sono permanenza del colore e durata nel tempo del materiale.

    L’uso del mosaico risale alla preistoria ed è il prodotto di una cultura raffinata, eseguito da maestri di grande esperienza e abilità…”

    Queste sono le espressioni usate per la presentazione al convegno di New York sul mosaico e sulla attività nel campo musivo del M°. Spilimberghese Rino         Pastorutti autore di questa opera che oggi inauguriamo.

    L’esecuzione musiva si riallaccia all’antica tecnica del lavoro in sito, esecuzione diretta “su

    legante sabbia – calce”.

    Anticamente prima dello studio dei vari leganti cementizi, tutto veniva svolto direttamente, in sito, nel nostro caso è stata usato come supporto una rete in fibra di vetro (indistruttibile) si

mettono in evidenza, affondando a una a una, le tessere sul legante, l’irregolarità della struttura, della superfice non liscia, ha come risultato una leggera modulazione, una variabilità nella

riflessione della luce <ciò infonde “Vita” al nostro mosaico>.

    Il materiale usato nel nostro caso sono tessere in “smalto musivo” chiamato propriamente vetro per mosaici e ci si aggancia alla comparsa del vetro con particolare riferimento al 300 a.c. in

Egitto nella città di Alessandria (mosaici ancora ben visibili e conservati nel tempo) quindi

materiale indistruttibile.

    ...L’arte del mosaico è un linguaggio universale che permette a diverse culture, popoli e comunità di condividere emozioni e esperienze.

    Da mille anni è il veicolo più spontaneo e prezioso con cui il cristianesimo, e il cristianesimo orientale in modo particolare, parla a tutti i suoi fedeli.

                                                                                            

L’ARTIGIANO COSTRUTTORE, Ulisse Minello

Quando sono stato coinvolto in questo progetto, il progettista e la committenza mi hanno detto che cercavano un “artigiano con la vocazione dell’artigiano” e ho capito subito che il lavoro, seppure limitato nelle dimensioni, richiedeva una certa dose di esperienza e molta attenzione.

Anche in questo caso una volta esaminati i disegni esecutivi, io e il mio collaboratore Marco abbiamo cominciato a vedere l’oggetto nella nostra immaginazione, quasi come una creatura che necessita di attenzioni; assieme ne abbiamo studiato i particolari tenendo conto degli spazi, dei dislivelli, della struttura del terreno.

Quindi ci siamo messi al lavoro.

Mi sono procurato i materiali necessari, ho eseguito lo scavo per le fondamenta, perché la costruzione fosse solida, resistente, duratura; quindi sono passato a ragionare sull’armatura metallica, per calcolarne la forma più consona alla sagoma strutturale e l’adeguato copriferro.

Ogni passaggio costruttivo, nel mio lavoro, ha la sua importanza, ed ogni materiale ha la sua dignità: va scelto con cura e devi conoscerlo in tutti i suoi aspetti, perché ha comportamenti e risposte strutturali irripetibili.

Il capitello della Divina Misericordia è stata una piacevole sfida costruttiva e come sempre avviene nulla è stato lasciato al caso. Tuttavia anche nel mio lavoro di artigiano edile vi è stato spazio per una misurata improvvisazione e anch’essa è stata orientata all’insieme, all’armonia del tutto: le rifiniture, i bordi e gli spigoli, l’intreccio degli interstizi che, rendendola preziosa, incastonano la struttura metallica del capitello come un diamante in un gioiello. Insomma: ho utilizzato materie grezze, conglomerati inerti, e vi ho infuso vita, dignità.

Ed ecco l’opera compiuta; il risultato è lì, davanti agli occhi di tutti. Una bella opera corale per un’importante testimonianza sacra!

Sono sicuro che anche in questo caso il bel risultato ottenuto sia la testimonianza più vera di una tensione che ha animato questo mio intervento sin dall’inizio e cioè la tensione a fare bene ed al meglio il mio lavoro.

 

Note biografiche su Suor Faustina

Maria Faustina (in polacco Maria Faustyna) Kowalska, al secolo Helena Kowalska (Głogowiec25 agosto 1905 – Cracovia5 ottobre 1938), è stata una religiosa polacca, appartenente alla congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia, propagatrice della devozione a Gesù misericordioso; nel 2000 è stata canonizzata da papa Giovanni Paolo II. Viene venerata in tutto il mondo come l'Apostola della Divina Misericordia.

Biografia

Nacque in Polonia da Marianna Kowalska e Stanislao Kowalski, terza di dieci figli, fu battezzata con il nome di Elena nella chiesa parrocchiale di San Casimiro. La famiglia era molto religiosa ed Elena fu educata cristianamente. La sua vocazione religiosa si manifestò fin dall'età di sette anni. Poté frequentare una scuola solo per poco più di tre anni. Ancora adolescente lasciò la famiglia per lavorare come domestica ad Aleksandrów e a Łódź, provvedendo così al proprio sostentamento e aiutando la famiglia.

A 18 anni chiese ai genitori il permesso di entrare in convento, ma la famiglia necessitava del suo aiuto e quindi non acconsentì. Faustina cercò di ubbidire ai genitori e partecipò alla vita mondana trascurando le ispirazioni interiori della grazia. Nel suo Diario racconta che un giorno, mentre era a un ballo insieme alla sorella, ebbe una visione di Gesù flagellato che le disse: «Quanto tempo ancora ti dovrò sopportare? Fino a quando mi ingannerai?»[1]. Subito dopo si decise per la vita religiosa.

Dopo essere stata respinta da molti conventi, finalmente, il 1º agosto 1925, fu ammessa nella Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia a Varsavia. Il 30 aprile del 1926 iniziò il noviziato, ricevendo l'abito e il nome di "Suor Maria Faustina". Nella Congregazione visse tredici anni, soggiornando in diverse case, in particolare a Cracovia, Płock, e Vilnius. Ebbe due direttori spirituali: don Michał Sopoćko, a Vilnius, e padre Józef Andrasz S.I. a Cracovia. Svolse mansioni di cuoca, giardiniera e portinaia e osservò fedelmente la regola religiosa. Adottò uno stile di vita severo e i digiuni indebolirono la sua salute, già cagionevole. Si ammalò di tubercolosi e dovette essere ricoverata due volte in un sanatorio vicino a Cracovia.

Di carattere riservato, i devoti le attribuiscono un'intensa vita mistica: nel suo Diario scrive che Gesù le attribuisce l'appellativo di "Segretaria della Divina Misericordia". Nel 1938 aggiunge di aver avuto un dialogo con Dio, in cui si lamenta del fatto che la sua congregazione non abbia nemmeno una santa, e riceve questa risposta: "...Tu la sei" (Diario 1650). La morte la colse "nel giorno della sua crociata", il 5 ottobre dello stesso anno a Cracovia, alle ore 22:45, all'età di 33 anni.

La Chiesa cattolica ritiene che abbia ricevuto in vita molte grazie straordinarie: le rivelazioni, le visioni, le stigmate nascoste, la partecipazione alla passione del Signore, il dono dell'ubiquità, il dono di leggere nelle anime, il dono della profezia e il raro dono del fidanzamento e dello sposalizio mistico; il contatto vivo con Dio, con la Madonna, con gli angeli, con i santi e con le anime del purgatorio. Malgrado il dono di tante grazie straordinarie scriveva nel "Diario": "Né le grazie, né le rivelazioni, né le estasi, né alcun altro dono ad essa elargito la rendono perfetta, ma l'unione intima della mia anima con Dio. I doni sono soltanto un ornamento dell'anima, ma non ne costituiscono la sostanza né la perfezione. La mia santità e perfezione consiste in una stretta unione della mia volontà con la volontà di Dio" (Diario p. 380).

Beatificazione e canonizzazione

Tra il 1965 e il 1967 si svolse a Cracovia il processo informativo relativo alla vita e alle virtù: la causa fu promossa dall'allora vescovo ausiliare di Cracovia, Karol Wojtyła. Nel 1968 iniziò a Roma il processo di beatificazione, che si concluse nel dicembre del 1992. Fu beatificata da papa Giovanni Paolo II in piazza San Pietro, a Città del Vaticano, il 18 aprile 1993, e proclamata santa il 30 aprile 2000. Le sue reliquie si trovano nel "Santuario della Divina Misericordia" a Cracovia.

Il miracolo per la canonizzazione

Per la canonizzazione della beata Faustina Kowalska, la Chiesa cattolica ha ritenuto miracolosa la guarigione di padre Ronald Pytel, avvenuta nel 1995 a Baltimora. Padre Pytel, nato a Baltimora nel gennaio 1947, era diventato parroco della locale chiesa del Santo Rosario, che era anche santuario diocesano della Divina Misericordia.

Nel 1995 gli venne diagnosticata una stenosi aortica, con calcificazione del ventricolo sinistro. Dal momento che ogni minimo sforzo gli provocava affanno, decise di farsi operare il 14 giugno dello stesso anno. L'intervento, consistente nella sostituzione della valvola aortica con una protesi meccanica, sembrava riuscito, ma un mese dopo sorsero complicazioni: comparve una sindrome post-pericardiotomica, con versamento pleuro-pericardico. A quarantotto anni gli fu vietato ogni sforzo, e gli venne consigliato di lasciare l'incarico, con una previsione, inoltre, di pochi anni di vita.

Padre Pytel era stato fin da bambino devoto a suor Faustina Kowalska. Nella sua chiesa si celebrava, il 5 ottobre di ogni anno, nel giorno anniversario della morte di suor Faustina, una giornata di preghiera. Il 5 ottobre 1995, al momento delle preghiere per la guarigione, alcuni sacerdoti carismatici pregarono insieme a padre Pytel, tenendo sul suo capo una reliquia dell'allora beata Faustina. A un certo punto gli fecero baciare la reliquia e il parroco cadde a terra come paralizzato. Quando si rialzò dopo qualche minuto, si dimostrò completamente guarito. I medici che lo visitarono successivamente considerarono inspiegabile il recupero totale e improvviso dell'efficienza fisica.

Il caso fu sottoposto alla Congregazione per le cause dei santi che, il 20 dicembre 1999, promulgò il decreto sul miracolo, confermando che la guarigione rapida, completa e duratura, non era spiegabile per la scienza.

La Divina Misericordia

La fama della sua santità crebbe insieme alla diffusione del culto alla Divina Misericordia e per le grazie ottenute tramite la sua intercessione. Il 22 febbraio 1931 suor Faustina scriveva nel suo Diario: «La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l'altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l'uno e l'altro pallido. [...] Gesù mi disse: "Dipingi un'immagine secondo il modello che vedi, con sotto la scritta: Gesù confido in Te! Desidero che quest'immagine venga venerata [...] nel mondo intero. Prometto che l'anima che venererà quest'immagine non perirà. [...] Voglio che l'immagine [...] venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua: questa domenica deve essere la Festa della Misericordia.»

Dipinto originale dell’artista Eugeniusz Kazimirowski eseguito nel 1934 secondo le indicazioni di suor Faustina

Papa San Giovanni Paolo II scrisse un'enciclicaDives in Misericordia, la seconda del suo pontificato (1980), interamente dedicata alla devozione appresa dall'umile suora polacca ed è stato lui che l'ha proclamata santa, il 30 aprile 2000. In quell'occasione il Papa ha stabilito per la prima volta la Festa della Misericordia, da celebrarsi ogni anno nella prima domenica dopo Pasqua.

La Coroncina alla Divina Misericordia

particolare di Gesù

                                           Particolare del mosaico 

 

In una rivelazione privata nel 1935 Gesù avrebbe chiesto a suor Faustina una particolare forma di preghiera detta "Coroncina alla Divina Misericordia". La misericordia di Dio, la grazia della conversione e del perdono dei peccati, soprattutto nell'ora della morte, sarebbero stati concessi all'anima che avesse recitato la coroncina della divina misericordia: «La mia misericordia avvolgerà in vita e specialmente nell'ora della morte le anime che reciteranno questa coroncina».

La Coroncina alla Divina Misericordia dettata da Gesù a suor Faustina Kowalska:

(Per la recita si usa una normale corona del rosario)

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Si inizia con: il Padre Nostro, l'Ave Maria e il Credo.

Credo:

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

Sui (5) grani maggiori del rosario si dice:

Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l'Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Signore Nostro, Gesù Cristo, in espiazione dei nostri peccati e di quelli di tutto il mondo.

Sui (50) grani minori del rosario si dice:

Per la Sua dolorosa Passione, abbi misericordia di noi e del mondo intero.

Alla fine si dice per tre volte:

Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi e del mondo intero.

Alla fine si dice:

O Sangue ed Acqua che scaturiste dal Cuore di Gesù come sorgente di misericordia per noi, confido in te!

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Le Promesse di Gesù Misericordioso:

Con questa coroncina otterrai qualsiasi grazia, se quello che chiedi è conforme alla Mia volontà.

La Mia Misericordia avvolgerà in vita e specialmente nell'ora della morte le anime che reciteranno questa coroncina.

I sacerdoti la raccomandino a chi vive nel peccato come una tavola di salvezza.

Se verrà recitata accanto a un moribondo, Mi metterò fra il Padre e l'anima agonizzante non come giusto Giudice, ma come Salvatore Misericordioso.

L'ORA DELLA MISERICORDIA:

Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina nell'ora della propria morte, ossia le 3 del

pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero.

"In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione".

L'IMMAGINE DI GESU’ MISERICORDIOSO:

L'anima che venererà questa immagine non perirà, già su questa terra Prometto la vittoria sui suoi nemici e sarà difesa come Mia gloria nell'ora della morte.

LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA:

L'anima che la prima domenica dopo Pasqua si confesserà e riceverà degnamente la santa comunione, dopo aver fatto per 9 giorni a partire dal Venerdì Santo una novena usando la Coroncina alla Divina Misericordia, riceverà la grande grazia della remissione totale di tutte le pene e dei castighi.

LA DIFFUSIONE DEL CULTO DELLA DIVINA MISERICORDIA:

A tutti sono dirette due promesse, la prima riguarda la protezione materna in tutta la vita e la

seconda riguarda l'ora della morte:

"Tutte le anime che adoreranno la Mia misericordia e ne diffonderanno il culto, queste anime

nell'ora della morte non avranno paura, la Mia misericordia le proteggerà in quell'ultima lotta".

Suor Faustina con Gesù misericordioso

Nel Santuario della Divina Misericordia di Santo Spirito in Sassia a Roma, a lato della Piazza San Pietro.

Canti collegati alla devozione alla Divina Misericordia

Inno alla Divina Misericordia 

Gesù, io credo in Te,

Gesù, io spero in Te,

Gesù, io amo Te,

Gesù, confido in Te,

Canterò la tua Misericordia,

il più grande attributo di Dio;

in eterno di fronte a tutto il popolo

la Tua Misericordia canterò!

Due sorgenti sono scaturite

come raggi dal cuore di Gesù,

non per gli Angeli né per gli Arcangeli,

ma per i peccatori le donò!

Peccatore, no, non dubitare,

ma confida e credi in Lui,

che il passato vissuto nel peccato,

in una vita santa cambierà.

O Maria, noi siamo tutti tuoi

intercedi con Suor Faustina,

e le grazie della Misericordia,

il tuo Figlio divino elargirà!

 

Madonna Nera


C’è una terra silenziosa
dove ognuno vuol tornare
una terra e un dolce volto
con due segni di violenza:
sguardo intenso e premuroso
che ti chiede di affidare
la tua vita e il tuo mondo
in mano a Lei.

Madonna, Madonna Nera,
è dolce esser tuo figlio!
Oh lascia, Madonna Nera,
ch’io viva vicino a te.

Lei ti calma e rasserena,
lei ti libera dal male
perché sempre ha un cuore grande
per ciascuno dei suoi figli;
Lei ti illumina il cammino
se le offri un po’ d’amore
se ogni giorno parlerai
a Lei così:

Questo mondo in subbuglio
cosa all’uomo potrà offrire?
Solo il volto di una Madre
pace vera può donare.
Nel tuo sguardo noi cerchiamo
quel sorriso del Signore
che ridesta un po’ di bene
in fondo al cuor.

 foto gruppo cerimonia SITOCopy

Foto al termine della cerimonia di consacrazione del capitello con gli attori dell'opera, il parroco don Tarcisio Milani e il sindaco Andrea Sacacrola

 

Martedì, 16 Aprile 2024 17:02

SANTA BERNADETTE. OGGI

PARROCCHIA DELL’ANNUNCIAZIONE IN OLMO DI MARTELLAGO

15 aprile 2024 ore 20 30

GRUPPO DI DEVOZIONE ALLA DIVINA MISERICORDIA.

 La chiesa cattolica il 16 aprile ricorda santa Bernadette Soubirous perché in quel giorno del 1879 muore a Nevers a 35 anni. Noi del gruppo di devozione alla Divina Misericordia non potevamo non ricordarla per l'attualità cogente del messaggio che la Vergine le ha lasciato: pregare per la conversione dei peccatori e recitare il Santo Rosario, possibilmente con il rosario brigidino che Bernadette usava durante le apparizioni.

 

  LA MADONNA A LOURDES                               bernADETTE                           

  La Vergine Immacolata nella grotta              Bernadette Soubirous in una foto  all’epoca delle apparizioni 

 

CANTO DI INVOCAZIONE ALLO SPIRITO SANTO

 Chi va all’inferno secondo Bernadette.

A Bernadette Soubirous chiesero che cosa fosse, per lei, "un peccatore". Tutti si aspettavano che rispondesse: « È uno che fa il male ». E, invece, questa la risposta della Veggente: « Peccatore è uno che ama il male ».

Risposta, a pensarci, profonda e consolante: quell'inferno contro il quale tanto violentemente si ribella il mondo moderno riduce così, e drasticamente, i suoi potenziali ospiti. Tutti noi - o quasi - "facciamo" del male. Ma quanti, tra di noi, davvero "amano" il male? Forse è vero che, come è stato detto, più che cattivi siamo (tutti quanti) un po' stupidi. Senza togliere nulla alla gravità del peccato, alla necessità di contrastarlo ogni giorno in noi. Bernadette, con la sua intuizione - che è propria dei santi - di che cosa sia davvero il vangelo, ci rassicura che non tanto praticare quanto amare il male è ciò che può davvero tagliarci fuori (e per nostra volontà stessa) dalla Misericordia.

A Lourdes, presso i santuari c’è un’ala del vecchio ospizio dedicata alla Misericordia di Dio, tutti i giorni sono a disposizione sacerdoti di tutte le lingue che amministrano il sacramento della Confessione. Anzi, il primo passo per iniziare il pellegrinaggio è proprio questo: accedere con fiducia alla Misericordia di Dio per iniziare un cammino di conversone.

La Santa Vergine che promise alla sua veggente la felicità nell’aldilà e permise tribolazioni nella sua vita terrena, offre la chiave di volta di un enigma che rimane irrisolto per tanta umanità di oggi, infelice e smarrita.

La triplice notte dell’anima verso la fine della vita di Bernadette, nel convento di Nevers, con la sofferenza fisica per la malattia, il “silenzio” della Madonna che più non le era apparsa e lo scrupolo di non aver corrisposto adeguatamente alla sua missione, è stato il pegno della promessa della Vergine alla grotta nella terza apparizione il 18 febbraio 1858: “Non vi prometto di rendervi felice in questo mondo, ma nell’altro”.

Ecco, ritengo di aver dato un bel contributo di chiarezza sul significato della sofferenza offerta a Cristo per la redenzione del mondo e la conversione dei peccatori, e su chi siano veramente le persone che ostinatamente si rifiutano di accettare la Misericordia del Creatore, escludendosi così dal mistero della salvezza che significa voler andare all’inferno per l’eternità.

CORONCINA DELLA DIVINA MISERICORDIA

INTENZIONI DI INTERCESSIONE

 

ALCUNE DATE DELLE APPARIZIONI DI LOURDES

14 febbraio: Maria sorride a Bernadette perché la piccola si era portata l’acqua benedetta per aspergere la bella Signora per essere sicura che non si trattasse del diavolo.

18 febbraio: la vergine chiede a Bernadette di andare alla grotta per quindici giorni e le promette di non renderla felice in questa vita ma nell’altra.

19 -23 febbraio: Maria e Bernadette pregano insieme, conversano tra loro e Bernadette non rivela nulla.

24 febbraio – 1° marzo: è tempo di Quaresima e la Vergine esorta Bernadette con le parole: “Penitenza, penitenza, penitenza. Pregate Dio per la conversione dei peccatori”. La Signora le ordina di camminare in ginocchio nella grotta, di mangiare erbe selvatiche, di scavare nel fondo della grotta con le mai nel fango, di sporcarsi il viso con quel fango, di scavare ancora fino alla scoperta della sorgente miracolosa e infine di lavarsi il viso e le mani. L’acqua della sorgente rappresenta la Grazia santificante che purifica dai peccati.

2 – 4 marzo: la Signora invia Bernadette in missione: “Andate a dire ai sacerdoti che si venga qui in processione e che si costruisca una cappella”. Durante le ultime apparizioni delle quindici promesse da Maria, avvengono i primi miracoli di guarigione.

25 marzo: Bernadette si sente richiamata alla grotta, è il giorno dell’Annunciazione . Bernadette chiede ancora di conoscere il nome della  Signora. Il parroco vuol sapere. La Signora le dice: “QUE SOY ERA IMMACULADA CONCEPCIOU”: SONO L’IMMACOLATA CONCEZIONE! Bernadette, che non sapeva cosa volesse dire, va di corsa dal parroco a comunicarlo. Il parroco rimane sconvolto e crede a tutto quanto Bernadette gli aveva comunicato su incarico della Vergine Maria. È assolutamente straordinario che il 25 marzo la Madonna quando comunica chi è, lo fa allargando le braccia come nell’immagine della famosa Medaglia Miracolosa di suor Caterina Labouré, alla quale la Madonna nel 1830 a Parigi aveva dato ordine di coniare la medaglia con la giaculatoria: “O Maria concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi”.

Le ultima due apparizioni avvengono il 7 aprile, subito dopo la Pasqua, e il 16 luglio giorno della festa della Madonna del Carmelo.

 

LOURDES NASCE CON LA MEDAGLIA MIRACOLOSA, È QUI CHE LA VERGINE SI MANIFESTA COME L’IMMACOLATA CONCEZIONE

                 medaglia miracolosa

                La Medaglia Miracoloso che suor Caterina fece coniare su ordine della Madonna

La Chiesa e il Papa Pio IX non restarono insensibili alle manifestazioni della Rue du Bac, la Madonna aveva parlato chiaro, era stata concepita senza macchia originale. Così  verrà proclamato il dogma di fede sull’Immacolata Concezione, l’8 dicembre 1854. Le intuizioni che il beato Giovanni Duns Scoto nel 1300 aveva elaborato dimostrando la verità teologica del dogma, trovano compimento dopo oltre cinque secoli. Questi sono i tempi di Dio e i tempi della Chiesa. Forse è utile e conveniente interiorizzare questi fatti, noi non siamo qui sulla terra per quei pochi anni che viviamo, siamo proiettati più avanti, l’eternità ci sta aspettando e conviene che ne teniamo conto per prepararci. .

Questa narrazione che ho voluto brevemente sintetizzare, ha un’importanza straordinaria anche oggi per la vita della Chiesa cattolica. Tutte le successive apparizioni della Vergine Maria hanno confermato cosa vuole dai suoi fedeli la Madonna: preghiera e penitenza per la conversione dei peccatori. La dottrina della Chiesa di Roma mutuata dal Vangelo e dalle scritture ebraiche, esprime con chiarezza che Dio Padre vuole che tutti gli uomini si salvino. Ha mandato suo figlio Gesù proprio per questo. Dio, infinita misericordia, vuole che gli uomini accettino gli insegnamenti di Gesù, che abbandonino la vita nel peccato e vivano nella gioia e nella grazia di sapersi amati e salvati per la vita eterna.

Ancora oggi, gli oltre cinque milioni di pellegrini che si portano a pregare ai piedi della grotta, hanno nel cuore questo desiderio e questa missione: conoscere la misericordia di Dio e farla conoscere al mondo.

Gesù ha voluto che sua Madre venga di nuovo sulla terra per comunicare al mondo come l’umanità possa salvarsi dalla disperazione e dalla morte dell’anima. Anche Maria è mediatrice di misericordia verso suo Figlio, anzi è Mater Misericordiae!

Ora, pare bello riportare anche il pensiero di un altro grande santo, Giovanni Bosco, suo contemporaneo, sul tema della salvezza e sul significato della sofferenza. Visto che a Lourdes gran parte dei pellegrini sono persone ammalate, molte nel corpo ma anche nello spirito. Sarà bene ricordarsi dell'ormai vecchio e malato don Bosco che nel 1886, a due anni dalla morte, si spinse penosamente sino a Barcellona per incontrarvi i molti benefattori spagnoli e per cercare nuovo denaro. Per obbedire all'ordine del papa, infatti, aveva dovuto caricarsi sulle ormai stanche spalle la raccolta di fondi per costruire la nuova basilica del Sacro Cuore al Castro Pretorio a Roma.

Sulla via del ritorno, il Santo si fermò a Grenoble, dove fu alloggiato nel seminario. Scorgendolo ansante, quasi disfatto, il Superiore gli disse: « La vedo molto sofferente, monsieur l'abbé. Certo, alla sua età, è ben duro un viaggio così: ma nessuno meglio di lei sa quanto santifichi la sofferenza».

Questa la risposta di don Bosco: « No, signor Rettore, non è così: ciò che santifica non è la sofferenza, ma la pazienza».

Cristianesimo non è amare il dolore: è dargli un senso. Non c'è uomo che, spesso in segreto, non porti la sua croce: convertirsi, non vuoi dire liberarsene, ma accettarla. Negare il dramma della vita, ribellarsi ad esso, significa trasformare quel dramma in tragedia, perché senza significato e senza speranza.

SUPPLICA ALLA MADONNA DI LOURDES

O Madre di misericordia,
che apparendo a  S. Bernadette a Lourdes, hai manifestato la tua solidarietà
con l’umanità sofferente, ascolta la voce e la preghiera di tutti i tuoi figli infermi,
che oggi ricorrono a Te, fiduciosi di trovare una Madre che li ascolti e conforti.
Esaudisci le invocazioni che Ti rivolgiamo: guarisci le malattie che ci affliggono,
trasforma il nostro pianto in supplica e le nostre preoccupazioni in affidamento a Te; converti la nostra solitudine in fiduciosa attesa e il nostro turbamento in abbandono.
Ti affidiamo, in particolare, i malati dei virus di questi tempi e le persone che si sono ammalate a causa delle terapie sperimentali, i bambini e i giovani gravemente malati, quanti affrontano terapie salvavita i malati terminali e  gli agonizzanti. Sii, per tutti loro, consolatrice degli affitti e un sicuro rifugio nel tempo della malattia.
Amen

CANTO: AVE MARIA DI LOURDES

INVOCHIAMO LA BENEDIZIONE DEL SIGNORE con la formula di san Francesco:

 Il Signore ci benedica e ci custodisca, mostri a noi il suo volto e abbia misericordia di noi. Rivolga il suo volto verso di noi e ci dia pace. Nel nome del Padre, del Figlio e dello spirito Santo. Amen.

                                           giovanni paolo 2 suor faustina e gesù misericordioso

                 Gesù Divina Misericordia tra Santa Faustina Kowalska e san Giovanni Paolo II

Mercoledì, 20 Marzo 2024 19:31

EVANGELIZZARE L'ECONOMIA

L’evangelizzazione dell’economia: dalla gabbia dell’ideologia liberista alla vera libertà di un’economia “cristiana"

Pubblico questo articolo del domenicano fra RiccardoLufrani, docente alla LUMSA di Roma perché parla abbondantemente del modello economico divulgato nelle nostre pubblicazioni sotto la sigla WORLD-LAB.

Noi di World Lab siamo partiti dalle intuizioni del beato Giuseppe Toniolo con la enciclica Rerum Novarum di papa Leone XIII promulgata nel 1891 e dalla realizzazione della "Società delle Famiglie Cristiane" verso il 1870 del mistico David Lazzaretti assassinato dalle tuppe sabaude durante una processione religiosa, per pubblicare i nostri lavori di analisi e sviluppo di un nuovo modello economico denominato Civismo e che risponde totalmente a quanto delineato nei documenti pontifici sotto la definizione di Dottrina Sociale della chiesa cattolica.

Le nostre pubblicazioni, divulgate su questo sito nella cartella Econiomia Cristiana sono:

LA DIGNITA' DELLE NAZIONI, 2015, edito su Amazon,

MANIFESTO DEL CIVISMO, 2016, edito su Amazon,

BURGER ECONOMY, 2022, edito su Amazon,

VERSO UN MONDO NUOVO, 2022, stampato in proprio.

Inoltre sono visibili e acquistabili sul nostro sito: worldlabnetwork.org.

Nella nostra attività di ricerca abbiamo fatto tesoro delle intuizioni di Papa Francesco quando ha affermato nella Evangelii Gaudium che QUESTA ECONOMIA UCCIDE,e in una omelia a Santa Marta quando ha esortato: "OSATE, SIATE CORAGGIOSI, PERCHE' SOLO PENSANDO NUOVO E DIVERSO POSSIAMO SPERARE DI FARCELA".

logo WORLD LAB A COLORI

Logo di World Lab che ricorda il logo di David Lazzaretti

 

Dimmi qual'è la tua metafisica, e ti dirò in che società vivrai!

Con questo adagio si potrebbe riassumere l’autorevole analisi che il nostro confratello Giorgio La Pira propose in un breve quanto chiaro saggio del 1945 dal titolo “Premesse alla politica”, dove il Servo di Dio mostra la catena logica che, partendo da una visione del mondo, produce necessariamente un determinato tipo di società. 

La Pira considera l’esempio di tre sistemi filosofici e, passo dopo passo, dimostra come dalla filosofia di Hegel si arrivi ineluttabilmente alla dittatura razzista, dalla visione di Marx alla dittatura comunista, e dalla filosofia di Rousseau alla democrazia capitalista ed individualista, che porta alla concentrazione del potere economico e politico e all’oppressione dei più forti sui più deboli (cf. G. La Pira, Premesse alla politica, 1945, p. 127).

Se le tremende devastazioni del nazismo e del comunismo sono conosciute da tutti, anche il liberismo economico, nato con la Rivoluzione Industriale, mostrò subito le sue nefaste conseguenze sulla società, stigmatizzate chiaramente nell’Enciclica di Leone XIII Rerum Novarum del 1891. Da allora ininterrottamente in dieci Encicliche1, il Magistero della Chiesa continua ad avvertire della necessità di un’attività regolatrice del mercato, che permetta di godere dei vantaggi della libera competizione, e allo stesso tempo eviti la concentrazione del potere economico e politico, con il conseguente sfruttamento dei potenti sui più deboli, nonché la devastazione dell’ambiente.

Le politiche statali di molti paesi europei sono riuscite a mitigare le conseguenze nefaste del libero mercato sulla società, portando prosperità e benessere al nostro continente, ma, allo stesso tempo, la concezione dell’uomo liberale ha prodotto anche lo sfaldamento dei valori tradizionali, cominciato con una vera e propria rivoluzione copernicana dei valori propugnata da vari filosofi libertari, a partire dal poemetto satirico del 1724 dell’olandese Bernard de Mandeville, “La favola dell’ape: ovvero vizi privati, pubbliche virtù”, per passare all’evacuazione della morale dall’economia operata da Adam Smith, ed approdare all’attuale “economicizzazione” o “omnimercificazione” del mondo, come la descrive bene Serge Latouche nel suo saggio “L’invention de l’économie”, del 2005 (p. 225-9). 

Un tentativo di evitare i danni del liberismo economico, senza ricorrere alla regolazione del mercato da parte degli Stati, si ritrova nella proposta di una corrente di pensiero statunitense, definita come neoconservatorismo, abbreviato in Neocon. Se le sue origini risalgono all’anticomunismo radicale degli anni ’50 del XX secolo, il pensiero Neocon si caratterizza dalla assoluta fiducia nell’attività autoregolatrice del mercato, identificando il problema del sistema capitalistico democratico nel ““caos spirituale”, alimentato dal dinamismo tipico delle istituzioni capitalistiche”, come afferma il politologo Neocon Irving Kristol (cf. Flavio Felice, “Prospettiva “neocon”. Capitalismo, democrazia, valori nel mondo unipolare”, 2005, p. 148).

La soluzione che permetterebbe di salvare il mercato libero, e allo stesso tempo preservare la società e l’ambiente, per i Neocon sarebbe quella di moralizzare con le virtù la vita degli agenti del mercato, cioè di tutta la società. Se questa proposta sembra a prima vista promettente, in realtà, quando si considerano i presupposti filosofici che vi stanno alla base e le finalità ultime che guidano il pensiero Neocon, si dimostra inefficiente, se non dannosa.

Come abbiamo visto, l’idea di uomo che è alla base del sistema capitalistico democratico è quella di Rousseau e dei filosofi liberali. Sovrapporre un’idea cristiana dell’uomo, come propone Michael Nowak, “profeta” del teoconservatorismo, per far sì che gli agenti del mercato si comportino cercando il bene comune è un’illusione destinata a fallire. L’incisiva azione politica negli Stati Uniti - e sempre di più anche nella Chiesa - degli ambienti Neocon e Teocon cerca di imporre alla società una morale delle virtù, ricorrendo spesso alla teologia di san Tommaso d’Aquino, operazione che consiste in pratica a cercare di “imprigionare” i vizi privati, che sono il motore dell’economia liberale, in una “gabbia” di virtù posticce.

È una sorta di assurdo contrasto tra due forze che spingono in direzioni opposte, da una parte sollecitando i vizi per far funzionare l’economia, dall’altra sviluppando le virtù, come se le virtù e i rispettivi vizi che vi si oppongono possano coesistere! Come essere casti e lussuriosi allo stesso tempo? Anche i Teocon cattolici cercano di sdoganare l’economia liberista all’interno della Chiesa, reinterpretando il Magistero sociale in modo che non infranga i dogmi del mercato autoregolato, del diritto assoluto alla proprietà privata e del primato del profitto. Un esempio in questo senso è dato dal libro “Les Papes de Léon XIII à Jean-Paul II et le capitalisme,” del nostro confratello fr. Maciej Zieba op, che sembra in tutti i modi voler presentare le encicliche sociali fino a Centesimus annus di S. Giovanni Paolo II, come suffraganti l’economia liberista, arrivando a svalutare l’insegnamento della Populorum progressio di Paolo VI, bollandola come simpatizzante delle ideologie di sinistra (p. 45-52), poiché chiaramente in opposizione ai dogmi liberisti.

fra riccardolufrani

  fr. Riccardo Lufrani, O.P.

Ma quello che è più grave dell’ideologia Neocon è la strumentalizzazione della religione come regolatore sociale. Il credo religioso non è per i Neocon la fede che dà la forma alla vita degli individui e delle società, ma una religione di regole e leggi che servono a limitare i danni insiti al sistema capitalistico democratico stesso2. Invece di un’economia al servizio di Dio nel servizio dell’uomo, come prospetta la dottrina sociale della Chiesa, il programma Neocon prevede di servirsi di Dio per preservare il sistema capitalistico democratico. Si tratta di una vera e propria perversione ideologica!

Infatti, il progetto Neocon, da un lato non può riuscire nel suo intento di una moralizzazione delle virtù sulla società liberale, questa essendo fondata sui valori che tendono necessariamente all’individualismo, al relativismo e allo sviluppo dei vizi, dall’altro, dando l’illusione di una rigorosa religiosità, anestetizza la forza dirompente che la virtù teologale della fede suscita nei credenti, chiamati, attraverso la loro azione nel mondo sostenuta dalla grazia, alla evangelizzazione della società.

In un recente articolo sul fondamentalismo cristiano, Padre Antonio Spadaro SJ e il Pastore presbiteriano Marcelo Figueroa denunciano la strumentalizzazione della religione a fini politici, caratteristica comune alle numerose ideologie ultraconservatrici statunitensi: “Su quale sentimento fa leva la tentazione suadente di un’alleanza spuria tra politica e fondamentalismo religioso? Sulla paura della frattura dell’ordine costituito e sul timore del caos. Anzi, essa funziona proprio grazie al caos percepito. La strategia politica per il successo diventa quella di innalzare i toni della conflittualità, esagerare il disordine, agitare gli animi del popolo con la proiezione di scenari inquietanti al di là di ogni realismo.La religione a questo punto diventerebbe garante dell’ordine, e una parte politica ne incarnerebbe le esigenze. L’appello all’apocalisse giustifica il potere voluto da un dio o colluso con un dio. E il fondamentalismo si rivela così non il prodotto dell’esperienza religiosa, ma una concezione povera e strumentale di essa.”

In poche parole, l’ideologia Neocon si rivela essere un tentativo di preservare l’ordine del liberismo economico, usando la religione per cercare di far stare in piedi un edificio sociale che è minato alle fondamenta dalla natura stessa del sistema economico liberista. L’uso ideologico della religione da parte dei Neocon si spinge addirittura a cercare di dimostrare che il liberismo economico è insito nella natura dell’uomo, tanto da arrivare a studiare la “portata teologica del capitalismo democratico” e “della vita dello spirito che lo rende possibile” (cf. Felice, p. 153-4).

Ricercando un fondamento teologico e prospettando una rigida morale delle virtù, l’operazione Neocon, che si professa di ispirazione cristiana, in realtà si apparenta molto più all’islam politico, che propone di “addomesticare” il mercato “attraverso alcune precise regole,” che però sono “applicabili solo nell’ambito di una dittatura teocratica” (cf. World-Lab, Manifesto del civismo, 2016).

Se negli ambienti accademici e nei media, grazie anche a consistenti finanziamenti di ricchi mecenati, il liberismo economico è stato presentato per decenni come l’unico sistema praticabile, le evidenti conseguenze nefaste del liberismo senza freni (basti pensare alla crisi finanziaria del 2008) hanno suscitato diverse reazioni, che vanno dai movimenti no-global, alle teorie della decrescita felice, all’islamismo politico, alla proposta di una nuova economia “cristiana”.

Fino ad oggi, il Magistero della Chiesa non ha “consacrato” nessun sistema economico, ma si è limitato a presentare i principi cristiani che dovrebbero ispirare le società e le relazioni economiche, sottolineando i vantaggi e gli svantaggi dei diversi sistemi esistenti. Uno sviluppo nell’attitudine della Chiesa riguardo all’economia, si è manifestato già nel primo anno del pontificato di Papa Francesco, che ha stigmatizzato l’inequità del sistema economico dominante nel mondo, usando parole forti: “Questa economia uccide.”3 

A più riprese il Sommo Pontefice, poi, ha incoraggiato tutti, e i fedeli in particolar modo, a pensare in maniera nuova per affrontare il cambiamento d’epoca che stiamo vivendo. In questo senso, una riflessione sulla teoria e la prassi economica recentemente proposta da un gruppo di economisti cristiani, denominato World-Lab, delinea un’interpretazione della realtà economica attraverso un nuovo paradigma e propone una trasformazione della società e dell’economia dal basso, grazie anche alle nuove tecnologie, tenendo conto della dottrina sociale della Chiesa (cf. World-lab, Dignità delle nazioni, 2015). Con un secondo libro del 2016, “Manifesto del civismo”, lo stesso gruppo World-Lab “intende dar avvio ad una dinamica destinata a dar forma ad un sistema sociale inedito, denominato Civismo”, sistema sociale prodotto da un sistema economico “essenzialmente basato sulla naturale complementarietà fra il Mercato, lo Stato e le Collettività mutualistiche intermedie”, denominato dagli autori come “Economia cristiana” (cf. World-Lab, Manifesto del Civismo, 2016). 

Conforme alla dottrina sociale della Chiesa, la proposta del gruppo World-lab sembra essere una promettente risposta al cambiamento radicale che il mondo sta sperimentando. Gli autori di questa proposta hanno sviluppato nei dettagli il percorso di realizzazione di una nuova economia dove l’auto-produzione, organizzata in quelli che sono chiamati Distretti di Sviluppo Locale, permetterebbe di combinare i vantaggi della competizione del mercato con quelli della piena occupazione, il tutto nel rispetto dell’ambiente.

L’interessante e promettente progetto di una nuova società fondata su un’economia conforme al Vangelo è solo al suo inizio, ma non ci sono motivi per pensare che, perfezionandosi man mano che si realizza, non possa riuscire nel suo intento, se crediamo veramente che la vita cristiana sia la vita che tutti gli uomini sono chiamati a vivere nella grazia che sopraeleva la natura di ogni persona umana.

L’iniziativa del gruppo World-lab risponde pienamente alle aspettative che La Pira formulò nel lontano 1945: “E se tutto questo è vero – ed è vero! – sorge per la cristianità il dovere di organizzarsi politicamente per assolvere questo compito preciso: preparare essa nuovi congegni economici, politici, giuridici e culturali che siano adeguati alle premesse metafisiche e religiose dell’Evangelo: cioè, preparare le nuove strutture sociali nelle quali – come dice Maritain – siano rifratte quelle esigenze di interiorità, libertà, e di fraternità che sono le esigenze insopprimibili della persona umana.” (cf. Premesse alla politica, p. 186).

La riflessione che proponiamo in questo breve articolo, spera di aver dato una doppia buona notizia: non siamo “condannati” al liberismo economico, e la fede non è destinata ad essere relegata al ruolo di “stampella” dei dogmi liberisti! La sacramentalità della Chiesa per il mondo passa attraverso l’incarnazione nella vita di ogni fedele del Cristo Crocifisso e Risorto, per diventare pietre vive del Corpo Mistico, fermento, lievito, sale e luce per il mondo.

Accogliamo allora con entusiasmo la forte e continua esortazione del Sommo Pontefice, che con il Cristo è Capo del Corpo Mistico,4 a capire il mondo contemporaneo e partecipare attivamente, ognuno secondo il proprio stato, i propri talenti e le proprie competenze, alla costruzione della nuova società.

fr. Riccardo Lufrani, O.P.

--------

1) Quadragesimo anno – 1931, Pio XI; Mater et magistra – 1961, Giovanni XXIII; Pacem in terris – 1963, Giovanni XXIII; Populorum Progressio – 1967, Paolo VI; Octogesima adveniens – 1971, Paolo VI; Laborem exercens – 1981, Giovanni Paolo II; Sollicitudo rei socialis – 1987, Giovanni Paolo II; Centesimus annus – 1991, Giovanni Paolo II; Caritas in veritate – 2009, Benedetto XVI; Laudato si’ – 2015, Francesco.

2) In questo senso si veda il paragrafo sulla religione nel succitato saggio di Flavio Felice: p. 89-107.

3) “Così come il comandamento “non uccidere” pone un limite chiaro per assicurare il valore della vita umana, oggi dobbiamo dire “no a un’economia dell’esclusione e della inequità”. Questa economia uccide. Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa. Questo è esclusione. Non si può più tollerare il fatto che si getti il cibo, quando c’è gente che soffre la fame. Questo è inequità. Oggi tutto entra nel gioco della competitività e della legge del più forte, dove il potente mangia il più debole. Come conseguenza di questa situazione, grandi masse di popolazione si vedono escluse ed emarginate: senza lavoro, senza prospettive, senza vie di uscita. Si considera l’essere umano in se stesso come un bene di consumo, che si può usare e poi gettare. Abbiamo dato inizio alla cultura dello “scarto” che, addirittura, viene promossa. Non si tratta più semplicemente del fenomeno dello sfruttamento e dell’oppressione, ma di qualcosa di nuovo: con l’esclusione resta colpita, nella sua stessa radice, l’appartenenza alla società in cui si vive, dal momento che in essa non si sta nei bassifondi, nella periferia, o senza potere, bensì si sta fuori. Gli esclusi non sono “sfruttati” ma rifiuti, “avanzi” ", Evangelii gaudium, 53.

4) Cf. Unam Sanctam, Bonifacio VIII, (Corp. Iur. Can., Extr. comm. I, 8, 1).

Sabato, 02 Marzo 2024 12:08

DE ANIMA

MONASTERO DELLA VISITAZIONE DI TREVISO 

DE ANIMA: CONFERENZA TENUTA IL 10 FEBBRAIO 2024 ALLE SUORE DI CLAUSURA 

(Relazione di Gianfranco Trabuio, poeta e pubblicista)

In questa relazione parleremo di Anima anche prendendo in considerazione le recenti scoperte scientifiche sull’uomo come persona e non solo come corpo.

Però prima di parlare di Anima provo a introdurre un’immagine che ne fa da prefazione e che può far scaturire in ognuno di noi delle riflessioni stimolanti per ulteriori approfondimenti personali.

Ora, secondo la nostra religione cattolica, ma non solo, l’Anima ha origine al momento del concepimento, quando il seme maschile incontra l’ovulo femminile e il tutto si annida nell’utero, possiamo pensare questo momento come l’atto divino della creazione.

Oggi ci sono correnti di pensiero che formulano ipotesi più complesse su questo tema, però per il momento ci atteniamo all’idea originaria della creazione come atto divino.

Quindi, l’anima è creata da Dio creatore, e Dio a ogni anima dona dei talenti che poi saranno messi a frutto dalla persona che li riceve.

Ed è affascinante pensare alla nostra esistenza terrena, alla nostra vita, secondo un’interpretazione geometrica.

Qualche tempo fa mentre ero nella mia chiesa di Olmo-Martellago stavo riflettendo sulla parabola dei talenti e sull’uso di questi, da poeta e da matematico mi è venuto naturale immaginare  proprio  quella interpretazione geometrica.

Vediamone la rappresentazione:

prendiamo in considerazione la figura geometrica dell’ellisse che gode di una particolare proprietà. Osserviamola:

ELLISSE 2

sul sistema di assi cartesiani X e Y prendiamo due punti sull’asse delle ascisse X equidistanti dall’origine O degli assi e li chiamiamo fuochi F1 e F2, poi prendiamo un punto P sul piano e tenendo fisso questo punto lo facciamo ruotare sul piano in modo che i due segmenti F1P e F2P mantengano costante la loro somma, il risultato di questa rotazione è l’ELLISSE.

Ora, immaginiamo che Dio faccia il suo dono dei talenti, che sono situati nel punto F1 e la persona che si trova con quell’anima prenda la consapevolezza di darsi una missione durante la sua esistenza terrena nel punto F2.

Ecco che la vita di ciascuna persona può immaginarsi come un percorso lungo l’orbita dell’ellisse, cioè la vita è condotta sull’orbita che ha al centro l’origine, cioè Dio creatore.

Allora ognuno di noi è chiamato a vivere la propria esistenza in funzione dei talenti, dono di Dio, e alla missione che ciascuno si sceglie da sé per vivere in pienezza.

L’originalità di questa interpretazione della nostra esistenza lungo l’orbita dell’ellisse nasce dal fatto che i pianeti del nostro sistema solare hanno tutti un’orbita ellittica intorno al sole, che si trova in uno dei fuochi, e che con la sua energia tiene in equilibrio tutto il sistema solare.

L’universo è tutto un sistema di galassie in orbite ellittiche e rimane in equilibrio grazie  all’equilibrio delle energie che lo governano.

A voler essere precisi anche il nostro pianeta, la Terra, è un ellissoide, non è una sfera.

Così la nostra vita è in equilibrio se una volta ricevuta l’anima nel nostro corpo viviamo in coerenza con i talenti ricevuti e la missione  che ci siamo scelti, ambedue governati dalla volontà di Dio creatore che ci fornisce l’energia per percorrere l’orbita dell’ellisse rimanendo Lui al centro dell’orbita.

Ma non finisce qui l’affascinante immagine della nostra vita sull’orbita dell’ellisse; nel 1915 il fisico tedesco Arnold Sommerfeld ha dimostrato che anche gli elettroni hanno orbite ellittiche intorno al nucleo dell’atomo.

Perché partiamo da questa immagine dell’ellisse?

Perché siamo creature di Dio, è Dio che ha creato dal nulla tutte le cose.

In questi ultimi tre secoli, post illuminismo, molti scienziati hanno tentato di spiegare come si è creato il nostro mondo, la nostra terra, il nostro sistema solare, la nostra galassia e tutte le altre galassie…… Ancora non ci sono riusciti, ma hanno fatto scoperte sempre più interessanti.

Di recente alcuni scienziati hanno preso in considerazione che esista lo Spirito e che questo Spirito sia l’energia che ha formato l’universo, io mi permetto di fare una considerazione: allora Dio è energia!

Ecco perché ho pensato che fosse bello e stimolante mettere in relazione la nostra esistenza come creature di Dio e l’ellisse che è la figura geometrica dell’orbita dei pianeti del nostro sistema solare, ed è solo con questa orbita che questo sistema è in equilibrio e così ci viene garantita la vita su questa Terra.

Dopo questa introduzione poetica provo ad addentrarmi su un cammino che trae origine dal mondo delle neuroscienze, cioè dagli scienziati che studiano e fanno ricerche su come funzioniamo grazie ai nostri sistemi neuronali.

Noi non abbiamo un solo cervello contenuto nel cranio, abbiamo anche un cervello nel cuore e un altro a livello intestinale.

Sono cervelli perché hanno un sistema di neuroni come quelli del cervello.

È stato stimato che il cuore abbia circa 40.000 neuroni che costituiscono una rete di comunicazione all’interno del cuore stesso; mentre l’intestino è stato stimato che ne abbia 100 milioni che lavorano in asse col cervello.

 toroide del cuore RIDOTTA 1

 

Il cervello è stato stimato che sia costituito da 85 miliardi di neuroni.

Questo per farci capire la complessità del mondo che stiamo tentando di analizzare.

Ora, se pensiamo che le nostre cellule vivono scambiando reazioni biochimiche e che ogni reazione produce una carica elettrica e che ogni carica elettrica emette un’onda elettromagnetica e che le onde emesse non sono altro che energia che si propaga all’esterno delle cellule, ci rendiamo conto che il tema che stiamo affrontando è quanto mai ricco di stimoli per gli approfondimenti e affascinante oltremisura.

Questa nota si articola in tre parti, la prima di natura scientifica che ha come scopo quello di spiegare i meccanismi di funzionamento del nostro cervello e dei sistemi neuronali coinvolti, la seconda più propriamente mistica riguarda la relazione con la Divinità e infine la terza si concretizza nell’illustrare un esempio preso dalla testimonianza di una santa ritenuta dagli esperti una maestra di questa disciplina mistica.

PRIMA PARTE.

Per esemplificare tutti noi abbiamo conoscenza di come si analizza il comportamento del cervello, del cuore e dei muscoli. L’ingegneria biomedica ha realizzato apparecchiature sempre più sofisticate per studiare mediante elettroencefalogramma, elettrocardiogramma e elettromiografia il funzionamento degli organi analizzati.

Ma non solo, oggi proprio grazie a queste scoperte sono state costruite apparecchiature che analizzano il cuore e il cervello mediante la tecnica del magnetoencefalogramma e magnetocardiogramma, proprio sfruttando le conoscenze nel mondo delle frequenze e delle onde elettromagnetiche e facendo tesoro delle scoperte di oltre un secolo fa quando Einstein e gli altri scienziati che hanno rivoluzionato la Fisica con le scoperte della Meccanica quantistica, ha affermato che:

NOI SIAMO ENERGIA IMMERSI IN UN CAMPO DI ENERGIA.

Le scoperte della Fisica quantistica hanno consentito di andare oltre l’analisi dei semplici tracciati per esplorare addirittura gli effetti del pensiero sulla realtà fisica e non solo. Il nostro cervello fatto di miliardi di neuroni tutti dotati di carica elettrica ed emettenti onde elettromagnetiche, è la centrale dei processi comunicativi che avvengono a livello fisiologico dentro al nostro corpo, ma non solo, anche a livello di comunicazione del pensiero al mondo circostante, dal momento che il pensiero non è altro che una elaborazione prodotta dai nostri neuroni.

Ma c’è dell’altro, in questo contesto, ancora più affascinante. Scoperte recenti hanno messo in evidenza che il muscolo cardiaco ha un suo sistema neuronale in diretta connessione con quello cerebrale. Anzi, è stato dimostrato che il campo toroidale (circolare attorno all’organo) del cuore è molto più potente di quello cerebrale.

Gli scienziati dell’HeartMath dell’Università americana di Stanford, hanno fatto una scoperta forse ancora più grande riguardo al cuore. Hanno dimostrato che il cuore umano genera il campo energetico più ampio e potente di tutti quelli generati da qualsiasi altro organo del corpo, compreso il cervello all’interno del cranio. Hanno scoperto che questo campo elettromagnetico ha un diametro che si estende dai due metri e mezzo ai tre metri, con l’asse centrato nel cuore. La sua forma ricorda quella acciambellata di una toroide, forma spesso considerata la più unica e primaria dell’universo.

Il cuore genera il più ampio campo elettromagnetico del corpo. 
I campi elettromagnetici generati dal cuore permeano ogni cellula e possono agire come un segnale sincronizzatore per il corpo in maniera analoga all’informazione portata dalle onde radio. L’evidenza sperimentale dimostra che questa energia non solo è trasmessa internamente al cervello ma è anche recepibile da altri che si trovino nel suo raggio di comunicazione. Il cuore genera il più ampio campo elettromagnetico del corpo. Il campo elettrico come viene misurato dall’elettrocardiogramma(ECG) è all’incirca 60 volte più grande in ampiezza di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma (EEG). La componente magnetica del campo del cuore, che è all’incirca 5000 volte più potente di quella prodotta dal cervello, non è impedita dai tessuti e può essere misurata a diversi metri di distanza dal corpo con uno Strumento a Superconduzione di Interferenze Quantiche (SQUID) basato su magnetometri. È stato anche rilevato che le chiare modalità ritmiche nella variabilità della cadenza del battito cardiaco sono distintamente alterate dall’esperienza di differenti emozioni. Questi cambiamenti nelle onde elettromagnetiche, nella pressione sanguigna e in quella sonora, prodotti dall’attività del ritmo cardiaco sono percepite da ogni cellula del corpo a ulteriore supporto del ruolo del cuore quale globale e interno segnale di sincronizzazione.

SECONDA PARTE

Ora, partendo dalle acquisizioni scientifiche sul funzionamento del nostro cervello e sulle scoperte della capacità del pensiero di influenzare gli eventi interni al corpo umano, e non solo, ma anche quelli esterni, possiamo fare alcune riflessioni sul significato della preghiera e della sua efficacia riguardo alle intenzioni per le quali, rivolgendoci alla Divinità, noi preghiamo.

Esperimenti su queste modalità di preghiera, soprattutto comunitaria, dove più persone si trovano per pregare Dio secondo quella certa intenzione, sono stati realizzati in particolare nei gruppi del Movimento ecclesiale del Rinnovamento Carismatico Cattolico e da quello del Rinnovamento nello Spirito Santo. I risultati sono stati evidenti e riportati come testimonianza nei loro Convegni: la preghiera influisce sugli eventi per i quali si prega.

Quale significato dare a questi risultati? Qui entriamo in un ambito fecondo di sviluppi straordinari sull’efficacia della preghiera, entriamo in un contesto dove entrano in gioco l’anima che ogni persona ha ricevuto da Dio creatore e Dio stesso. Significa che noi siamo in grado di comunicare con la Divinità e come siamo in grado di farlo con Lui, siamo in grado di farlo anche con la Madonna, con san Giuseppe e con tutti i santi della storia. Generazioni di mistiche e mistici testimoniano nelle loro biografie queste esperienze straordinarie di comunicazione tra l’anima della persona e le anime residenti in Paradiso nella visione beatifica del Creatore.

La scienza ha reso visibili e comprensibili le esperienze di generazioni di santi che hanno lasciato scritto quanto avevano sperimentato nella preghiera.

Sant’Efrem  il siro, morto nell’anno 373 dopo Cristo, ha scritto un aforisma di grande efficacia mistica: “IL CORPO È IL TEMPIO DELL’ANIMA”.

tempio dellanima

Seguendo questa pista di lavoro e di ricerca riporto, ora, una testimonianza che un monaco mi ha rilasciato tempo fa quando andai ad intervistarlo su questo argomento.

“Credo che quando noi parliamo della preghiera dobbiamo parlare meno di onde cerebrali e più di anima. Cioè della dimensione profonda che è essa stessa forza, è essa stessa energia, l'anima, è per sua natura. Mentre le onde cerebrali sono prodotte dal cervello l'anima non è prodotta, l'anima c'è.

 

E quindi quando noi preghiamo nel profondo del nostro cuore è l'anima che prega, e prega in forza di un dono che la rende viva nello Spirito, lo Spirito del Signore. Se tu vuoi intercedere, supplicare, chiedere perdono, è importante che tu lo faccia all’interno di te stesso, quindi nella tua anima, non tanto nel pensiero, il pensiero può essere uno strumento che rivolge che indirizza la tua anima, il pensiero della tua volontà, ma la preghiera deve essere espressione dell'interiorità, quindi del cuore. Più che del cervello o della mente, del cuore.”

Molto spesso quando noi preghiamo non ci rendiamo conto dell’azione della preghiera, perché l'azione della preghiera sovrasta la nostra consapevolezza e sovrasta a volte anche le nostre intenzioni, quindi, pregare anzitutto facendo unità interiore, cioè calandoci dentro la nostra anima.

Esistono studi e sperimentazioni fatte in diverse università dove si è messa in relazione la dimensione spirituale con la dimensione della guarigione. Qui si apre una frontiera di grande fascino perché entrano in gioco le leggi della fisica quantistica che aprono scenari di grande interesse per comprendere il ruolo dell’anima.

Nella frase “Siate uno come lo sono col Padre mio” sembra risuonare fortemente l’idea del piano di coscienza non locale di cui ci parlano i fisici, così come l’idea che “Tutto ciò che chiedete pregando vi sarà dato”, sembra avere a che fare con l’idea che nello stato di preghiera esista una possibilità di co-creazione della realtà.

Anche le guarigioni che Cristo compie sono sempre connotate da una domanda: “Vuoi guarire?”. Così come nel prosieguo della guarigione, nella quale Gesù afferma “I tuoi peccati ti sono rimessi. La tua fede ti ha salvato. Vai in pace e non peccare più”, riecheggia fortemente l’idea quantistica del perdono, ovvero è la persona sofferente che chiede perdono alla malattia che la tormenta. Non è Cristo a guarire, ma la fede del guarito.

La fede intesa come la certezza di chi sa, piuttosto che come la speranza di chi crede.

Ed è per questo che è così importante la scienza, perché dà conoscenze alla mente razionale.

Questo gioco di parallelismi tra Vangelo e fisica quantistica non ha alcuna pretesa di scientficità, però la sua potenza evocativa è indiscussa perché ci conduce a una riflessione che è emersa in un convegno all’Università di Catania sulla Medicina Integrata nel 2016: le guarigioni straordinarie hanno necessariamente una componente spirituale, nel senso che la malattia pone essa stessa quesiti per l’anima tanto del medico che del paziente.

Oggi la fisica quantistica sembra ricondurci anch’essa lì, ALLA SOGLIA DELL’ANIMA.

fisica quantistica e anima

TERZA PARTE

Concludo questa dissertazione sull’anima citando un pensiero di Santa Teresa d’Avila, carmelitana scalza e riformatrice dell’Ordine Carmelitano, tratto dai suoi scritti autobiografici. Santa Terresa è vissuta dal 1515 al 1582 e non aveva fatto studi di teologia o di altre discipline scientifiche, aveva frequentato il monastero di Avila e ricevuto la formazione dalle sue Maestre. Aveva avuto un grande maestro che l’ha accompagnata nel suo cammino di riformatrice e di mistica: San Giovanni della Croce.

Ecco la profondità e attualità scientifica del suo pensiero:

“La mente è inutilizzabile quando si tratta di trovare la strada che porta nelle acque mistiche. La tua mente è esausta dalla ricerca.
Devi finalmente permettere all’anima di tornare al suo posto.
Togli di mezzo la mente e fai spazio all’anima.
La mente semplicemente non è abbastanza forte per fare il viaggio.
Arrivare da Dio è il compito dell’anima.
E l’anima risvegliata si agiterà e ti spronerà finché non ti accingi con energia e inizi ad allungare la mano al divino…”

santa teresa bernini

Estasi di Santa Teresa di Gian Lorenzo Bernini nella chiesa di Santa Maria della Vittoria in via Venti Settembre, 17 a ROMA

Se ci pensate è particolare che tutte quelle persone che hanno fatto scelte importanti per stare vicino a Dio, qualsiasi sia il loro Dio (parliamo dei monaci e monache di clausura, monaci tibetani e di tutte le altre categorie di persone che possano venirvi in mente) rispettino un sacrale silenzio.

È il silenzio della mente e, nel silenzio della mente, si cela il segreto della vita, il mistero di ogni cosa.

Non c’è più bisogno di parlare, non c’è più bisogno di capire, c’è solo bisogno di sentire.
Lì fuori non esiste niente: non cercate mai più di cambiare lì fuori…

L’anima non pensa, l’anima sa.

Martedì, 27 Febbraio 2024 09:26

L'ISLAM E ..... LA PRATICA

L’SLAM E LA “PRATICA”……. E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE

PUBBLICO QUESTA RIFLESSIONE DIVULGATA TEMPO FA PERCHE' RITORNA DI GRANDE INTERESSE PER L'ATTUALITA' DELLA STORIA CHE STIAMO VIVENDO. DA BUONO STATISTICO CHE HA FATTO RICERCA, E DA GIORNALISTA, MI SEMBRA MOLTO CURIOSO FAR NOTARE QUANTO DESCRITTO NELL'ARTICOLO NATO A SEGUITO DI UN'INTERVISTA FATTA AL FILOSOFO EGIZIANO E MUSULMANO HASSAN HANAFI.

“Pratica” nella nostra cultura è contrapposto a filosofia. Poiché nel mio ultimo articolo pubblicato su alcuni siti, compreso il mio, parlavo dell’”Islam e la filosofia”, illustrando un’intervista fatta al prof. Hassan Hanafi dell’Università del Cairo, oggi parlo di fatti disarmanti nella loro praticità.

HASSAN HANAFI

Infatti, scrivo di un argomento molto concreto e che di recente ha fatto molto scalpore sui media e tra le persone informate di tutto ma che conoscono poco. Da esperto di modelli demografici ho visionato  con interesse un video che gira da un po’ di tempo su You Tube: “Muslim Demographics”, dove vengono illustrate con numeri le previsioni demografiche  in Europa e nel Nord America. Lo sconcerto degli intellettuali e dei giornalisti nasce dal fatto che il video è stato proiettato durante una sessione del Sinodo dei Vescovi in corso in Vaticano e convocati per progettare la Nuova Evangelizzazione.

Detto banalmente: mettere il mondo davanti alla cruda realtà dei numeri provoca una crisi di rigetto e un moto di ribellione contro chi illustra quei numeri, quasi che misurare col metro una distanza sia diventata un’azione diffamatoria e offensiva. Stiamo  vivendo un periodo storico di paranoia sociale e di schizofrenia collettiva.

Il video illustra un’ipotesi di sviluppo demografico delle popolazioni di cultura occidentale, rispetto alle popolazioni di cultura islamica, basato sul quoziente di fertilità familiare. In questo modo viene dimostrato come nel volgere di pochi decenni (da due a quattro), le popolazioni di questi paesi saranno a maggioranza musulmana. Questo significa, per la Chiesa (Mater et Magistra), che si apre un nuovo orizzonte di impegno pastorale per far conoscere il Vangelo alle nuove popolazioni.

Con buona pace di tutti gli intellettuali e i giornalisti, che tutto sanno e poco conoscono, i futuri parlamentari saranno in buona parte di religione islamica. L’uomo della strada potrebbe chiedersi: “E allora dove sta il problema?” È perfettamente normale che le popolazioni si evolvano, che i costumi si modifichino, che la cultura cambi. Dov’è il dramma?

Moralmente parlando il dramma si è consumato nella persona del cardinale Peter Turkson del Ghana e Presidente del Pontificio  Consiglio per la Giustizia e la Pace, che avendo avuto l’ardire di far presente uno scenario impegnativo per la Nuova Evangelizzazione, è stato accusato di islamofobia, solo perché i numeri dicono quello che sarà il futuro per chi si troverà a viverlo. Il povero cardinale è stato costretto a chiedere scusa per aver fatto presente il futuro dell’impegno della Chiesa di Roma verso la nuova configurazione sociale e demografica, come se fosse un insulto all’Islam far vedere che le famiglie europee hanno circa un figlio per coppia mentre le famiglie musulmane ne hanno più di quattro.

L’analisi demografica è impietosa perché i numeri non si contraddicono. Se in Italia da quando la legge 194 consente di eliminare il feto nel grembo materno, ci sono stati cinque milioni di aborti, non è colpa dei demografi. Se il Parlamento europeo legifera sulla distruzione della famiglia naturalmente intesa non si possono accusare gli statistici di dire con i numeri quale sarà l’esito demografico da qui a venti o quarant’anni. Il povero cardinale Turkson voleva solo far riflettere i Vescovi del mondo sulla dimensione non solo demografica, ma spirituale, sociale ed economica delle scelte dei parlamenti occidentali.

 

cardinale turkson

il  cardinale Peter Kodwo Turkson

Anche dentro alla Chiesa cattolica sono ormai evidenti i segni di uno scollamento spirituale e teologico, che rincorrendo le mode culturali riguardo alla eliminazione della cultura della vita, della cultura della famiglia,  della cultura dell’impegno sacerdotale nell’annuncio del Vangelo, rendono di fatto la Chiesa nel suo insieme come un agglomerato di forze contrapposte che alla fine si elideranno, elidendo anche la Chiesa come la conosciamo oggi. Fortuna vuole e fede conferma che non sono le strutture gerarchiche a dare fiato allo Spirito Santo. La storia ciclica della Chiesa ci conforta su questo: a momenti di dissesto teologico e morale succedono epoche di grande rinnovamento con l’avvento di figure carismatiche che non si intimidiscono di fronte alla cultura imperante del relativismo  e dell’indifferenza. Grandi Santi hanno segnato le epoche di rinnovamento della Chiesa e dato slancio a una nuova missionarietà. A fronte del declino e del degrado delle vecchie famiglie religiose, grazie al Santo  Giovanni Paolo II  e a Benedetto XVI, nuove famiglie religiose nascono e si impongono con la carica vitale del loro entusiasmo giovanile. I Movimenti Ecclesiali che tanto disturbo recano a vescovi e cardinali si vanno diffondendo e masse di credenti sempre più numerose li seguono, manifestando una sete di fede e di speranza che in molti ambienti è ormai solo un ricordo del passato. Sarebbe sufficiente consultare i dati statistici sugli aspiranti sacerdoti nei seminari diocesani e dei tradizionali ordini religiosi per confrontarli con quelli delle nuove congregazioni religiose e movimenti ecclesiali per avere conferma di quanto Giovanni Paolo II, confidava a un amico: “Ormai molte delle congregazioni religiose hanno il termosifone spento”.

Le leggi della sociologia sono anche queste impietose, come la demografia e la statistica. I popoli non sono capaci di vivere  e di progredire senza la dimensione religiosa dell’esistenza. Chissà che una sana iniezione di religiosità popolare come quella musulmana non riesca a smuovere le antiche memorie di un’Europa ormai decrepita e rinunciataria riguardo alle proprie radici. Non si era mai verificato prima, nella storia, che un parlamento , come quello Europeo, legiferasse per cancellare dalle proprie costituzioni  i valori  e i principi che avevano reso possibile lo sviluppo di una civiltà basata sulle radici greco-giudaico-cristiane. Forse aveva ragione il prof. Hassan Hanafi, nell’intervista pubblicata, quando prevedeva, da buon filosofo, che l’Occidente avrebbe avuto bisogno dell’Islam per ritrovare il filo rosso della riscoperta dell’importanza della dimensione religiosa del vivere e dell’esistere.

NOTA IMPORTANTE: il cardinale Turkson l'ho incontrato e conosciuto molto bene a seguito del patrocinio da lui accordato a noi di WORLDLAB in occasione del convegno realizzato a maggio del 2017 a Mestre dove abbiamo illustrato il nostro nuovo modello economico pubblicato nel libro LA DIGNITA' DELLE NAZIONI edito su Amazon e tradotto in inglese, russo, francese e spagnolo. Al convegno hanno partecipato come relatori docenti dell'Università di Venezia, della Santa Croce di Roma e di Lovanio.

                             Yang e Yin anche in Economia

 

Premessa

Nel Giugno 2015 l'associazione informale World-Lab ha pubblicato, in singolare concomitanza con l'enciclica Laudato si' di Papa Francesco, un volumetto dal titolo La Dignità delle Nazioni nel quale sono stati formulati i due Paradigmi economici fondamentali dell'Eteronomia (produzione per terzi) e dell'Autonomia (auto-produzione), fino allora inediti, e le Modalità economiche nelle quali ognuno dei due si declina (e cioè Mercato, Filantropia e Baratti per il primo e Collettività auto-produttrici pubbliche e private per il secondo).

Sono stati altresì evidenziati gli opposti comportamenti adottati dagli attori economici operanti nei due contesti e cioè, rispettivamente, la competizione e la cooperazione, nonché i principali effetti ascrivibili a tali comportamenti.

LA DIGNITA DELLE NAZIONI COPERTINA

 

Dualismo economico e filosofico

 

Il dualismo rappresentato dai due Paradigmi economici fa il paio con quello filosofico espresso dai principi Yang e Yin che compongono il noto simbolo, bianco e nero, dell'armonia.

In effetti l'Eteronomia, a cui corrisponde la competizione, è facilmente associabile allo Yang (principio maschile e creativo) mentre lo Yin (principio femminile e protettivo), richiama il Paradigma dell'Autonomia a cui corrisponde l' auto-produzione e la cooperazione.

Così come l'armonia nei diversi fenomeni richiede l'interrelazione fra Yin e Yang, anche un sistema economico  trova una sua armonia con il contributo di entrambi i Paradigmi attraverso le Modalità di questi che più si prestano.

I sistemi, disarmonici, della modernità

  • Tutto Yin:

durante alcuni decenni del secolo scorso, con la scusa di realizzare l'utopia/distopia (sogno o incubo) comunista, il “fiume carsico” che da lungo tempo serpeggia condizionando larghi strati della collettività, è riuscito a far emergere, dove meno avrebbe dovuto stando alla teoria “scientifica” marxiana, un improbabile sistema economico, denominato Collettivismo, propinato come necessaria fase iniziale nell'avvento del Comunismo. Che si trattasse di un “errore antropologico”, così definito da Papa Wojtyla, è emerso ben presto, se rapportato ai tempi lunghi che generalmente si accompagnano ai profondi mutamenti economici e sociali.

È così che il detto “fiume carsico”, pur mantenendo la stessa meta che da sempre lo anima, ha repentinamente cambiato direzione con una sorta di retro-marcia ideologica, di facciata.

 Tutto Yang:

si è così assistito, laddove il Collettivismo si era istallato, ad un rapido passaggio di proprietà dei mezzi di produzione, e non solo quelli, dal pubblico al privato. Un ribaltone gigantesco, ma ovviamente incruento, contrariamente a quanto accade nel verso opposto, in quanto la proprietà pubblica, cioè di tutti, è generalmente percepita come di nessuno.

Quella che è stata propagandata come lotta fra lo Yin (autonomia, in versione esclusivamente pubblica nella fattispecie) e lo Yang (liberismo, nella versione di un mercato capitalistico già ampiamente diffuso in Occidente) si è dunque conclusa con la vittoria di quest'ultimo togliendo ogni ostacolo alla diffusione del vincitore: fine della storia.

 Capitalismo “buono”:

Tutto Yang, privo di ogni ostacolo, è forse un po' esagerato.

In effetti qualcuno si è opposto a una tale deriva:

trattasi dei cosiddetti “economisti di Dio” fautori di una Economia civile che, fondata su idee settecentesche, intende far da argine al dilagare dell'Economia incivile (sic) che fa seguito al Capitalismo selvaggio. Peccato che non sia dato sapere in che modo tale economia possa prender forma.

Per ora sembra che si conti sulla buona volontà degli agenti economici, spronati dall'incitazione: fate i bravi!

 

- Domanda: ora che il mondo, cominciando dall'Occidente apparentemente poco ricettivo all'Economia civile, si immerge sempre più nel Capitalismo selvaggio e senza frontiere, l'Umanità può dirsi soddisfatta?

Mala-crescita e mala-decrescita

L' opinione pubblica, occidentale ma anche mondiale, è oramai divisa in due parti:

a) chi crede a quanto propinato dalla politica, un pensiero unico che comprende sia la “destra” che la “sinistra”, secondo cui bisogna puntare alla crescita (aumento del Prodotto Interno Lordo, al netto dell'inflazione)

b) chi pensa che per salvaguardare l'Ecosistema, data la finitezza del nostro piccolo pianeta blu, occorra invece puntare sulla decrescita.

Vorremmo qui invitare a riflettere sul fatto che, stante l'attuale sistema economico in cui vige il Capitalismo selvaggio, se è assodato che la crescita contribuisce a distruggere ulteriormente l'ambiente, è anche vero che la decrescta che non serve incentivare attraverso particolari politiche, essendo già in atto e ancor più in prospettiva, risulta devastante sul piano sociale.

 Crescita smart

 Santa Klaus, attualmente insediatosi nelle montagne svizzere forse a causa del cambiamento climatico, propone un nuovo modello di sviluppo (stakeholder capitalism) ed anche un nuovo concetto di crescita che salvaguarda il pianeta e, contemporaneamente, soddisfa  le principali parti in causa.

Si tratta della crescita pro-capite: cioè la crescita globale divisa per il numero dei diretti beneficiari.

Siccome l'aumento del numeratore di un tale rapporto, come detto, non è sostenibile, Santa Klaus, per incrementare l'indicatore, propone di ridurre il denominatore.

D'altronde lo sviluppo dell'Intelligenza Artificiale renderà inutile, se non dannosa, la presenza di gran parte della popolazione mondiale.

E le tecnologie per procedere in tal senso, oramai ampiamente sperimentate, non mancano.

Chi teme di far parte del denominatore, scriva una letterina a Santa Klaus. 

 Serve il “disaccoppiamento” fra crescita e impronta ecologica

 Più seriamente, per avere una crescita del PIL senza una crescita dell'impronta ambientale è evidente che occorre cambiare in modo strutturale l'attuale sistema (Capitalismo selvaggio, tutto Yang) nella speranza di individuarne uno che, con l'introduzione di appropriate Modalità dello Yin, soddisfi, in una qualche misura, tale esigenza.

A questo proposito, se uno riflette sul fatto che schiere di economisti, fra cui molti premi Nobel ed altri di fama internazionale, non sono riusciti nell'ultimo paio di secoli ad individuare un tale “salvifico” sistema, c'è di che scoraggiarsi.

L'unica speranza è che i nostri eroi avessero come obiettivo tutt'altro che il disaccoppiamento fra crescita e impronta ecologica.

Comunque, non perdiamoci d'animo.

 

Una proposta “indecente” ...

Volendo cambiare strutturalmente un sistema economico “tutto Yang”, cioè poggiante interamente sul Paradigma dell'Eteronomia (e quindi vocato, in prospettiva,  unicamente alla produzione di “valori di scambio”), non resta che individuare appropriate Modalità Yin, appartenenti al Paradigma dell'Autonomia (e quindi vocate all'auto-produzione, cioè alla produzione di “valori d'uso”) da inserire nel sistema, nei contesti ad esse più congeniali.

Fra le Modalità economiche del Paradigma dell'Autonomia, quelle di cui avvalersi per dare avvio alla metamorfosi del sistema non saranno certo quelle pubbliche, oggetto di programmi politici, sapendo che la politica attuata dalla democrazia “rappresentativa” è nelle mani di chi gestisce l'informazione, cioè i principali detentori del capitale che altro non vogliono, in termini di struttura del sistema, che quello a cui loro stessi hanno dato forma.

È giocoforza, pertanto, guardare alle Modalità economiche private dell'Autonomia e relative Prassi che, essendo attuabili con la normativa esistente, sono alla portata della società civile.

Questa è la “banalissima” proposta di World-Lab, l'associazione che ha anche elaborato le più adeguate Prassi del Paradigma, curiosamente inedite (o, meglio, soppresse nel sangue sul nascere a causa del loro successo: vedi Società delle famiglie cristiane fondata ad Arcidosso sul finire dell' 800 da Davide Lazzaretti).

Queste, oggi denominate Convivi, consistono in particolari cooperative di auto-produzione (Mutue) multi-attività operanti nell'ambito dei beni e servizi di prima necessità, costituite da cluster di Botteghe artigiane di nuova generazione (nelle quali i formatori e gli apprendisti sono soci paritetici) dove ha luogo anche una formazione sul luogo di lavoro (e per questo denominate anche Accademie Conviviali di Arti e Mestieri-ACAM).

Sono proprio queste strutture di formazione-lavoro, tragicamente mancanti nelle attuali economie capitalistiche, che occorre inserire, per prime, nel sistema.

Questa proposta, banalissima come detto, nelle varie occasioni in cui è stata presentata, è stata considerata … indecente!

Ci vuole coraggio, in effetti, se non una bella “faccia tosta”, per proporre a decisori della società civile (associazioni, parrocchie, Enti assistenziali …) di dare il loro patrocinio, nel 21-simo secolo, a soggetti dediti all'auto-produzione.

Più lungimiranti sembrano essere gli istituti di credito cooperativo radicati localmente in quanto, nel caso assai probabile di diffusione generalizzata e quasi simultanea sul territorio di tali cooperative di formazione-lavoro, operanti su spazi attrezzati di proprietà terza dietro pagamento di un canone d'affitto, gli investimenti miranti all'offerta di tali spazi darebbero luogo ad una dinamica economica assai sostenuta, comparabile a quella che caratterizza una ricostruzione post-bellica.

...che difficilmente si può rifiutare!

Se l'obiettivo di forze politiche responsabili è quello di eliminare, o comunque ridurre drasticamente l'elevato livello di inattività involontaria oggi esistente, e non quello di fare promesse demagogiche a finalità elettorale, non vi sono altre vie percorribili che quella sopra menzionata.

Una volta che un Convivio pilota, o un suo embrione significativo composto da un certo numero di attività produttive, sarà disponibile, il soggetto Attuatore, cioè una impresa (o un consorzio di imprese) a carattere commerciale il cui”core business” consiste nell'offerta di servizi agli investitori (architettura, edilizia, fornitura di attrezzatura ...credito), si incaricherà di diffondere il progetto presso i principali Patrocinatori, alcuni dei quali contribuiranno spontaneamente alla costituzione della compagine societaria del Convivio.

Altri, verosimilmente spinti a farlo dai potenziali beneficiari ...difficilmente potranno rifiutare!

LA PROPOSTA ARTICOLATA NELLE PUBBLICAZIONI EDITE A STAMPA SI TROVA SUL SITO  www.worldlabnetwork.org e nel blog del pubblicista Gianfranco Trabuio www.gianfrancotrabuio.it nella cartella Europa Cristiana.

 

Sabato, 08 Luglio 2023 16:33

LETTERA APERTA A MASSIMO CACCIARI

LETTERA APERTA A MASSIMO CACCIARI:

da Massimo Cacciari con il “Lavoro dello spirito”, Adelphi editore,  al Convivio, nuovo modello economico  pubblicato in “La dignità delle Nazioni” e “Manifesto del Civismo”  editi su Amazon da un gruppo di esperti internazionali: riflessioni.

 

IL LAVORO DELLO SPIRITO  LA DIGNITA DELLE NAZIONI COPERTINA MANIFESTO DEL CIVISMO copertina

 

Caro Massimo,

con alcuni amici di Mestre, dopo aver visto e commentato alcuni tuoi video, e non avendo avuto la possibilità di incontrarti in occasione della conferenza organizzata dal CircoloVeneto presieduto da Cesare Campa, ho pensato di scriverti per farti partecipe di alcune conclusioni a cui, dopo una lunga riflessione, sono pervenuto, con alcuni colleghi, sui temi del futuro dell'Europa, alla luce dei tragici eventi bellici in corso, e del lavoro, da te trattato nel libro Il lavoro dello spirito.

Ora, per essere più possibile coerente con il tuo pensiero e poterlo comunicare ai lettori del mio blog riporto quanto pubblicato dalla Adelphi intorno alla sostanza del tuo illuminante saggio citato, prima di addentrarmi nello specifico della proposta che ti facciamo con la richiesta di un incontro a breve, visto che abitiamo nel veneziano.

 “Tra il 1917 e il 1919 Max Weber tenne due conferenze dal titolo Die geistige Arbeit als Beruf, che potremmo tradurre «Il lavoro dello spirito come professione». Formulazione quanto mai pregnante, perché rappresentava l'idea regolativa, il progetto e la speranza che avevano animato il mondo della grande cultura borghese tra Kant e Goethe, tra Romanticismo e Schiller, tra Fichte e Hegel, e avrebbero costituito il filo conduttore dello stesso pensiero rivoluzionario successivo, da Feuerbach a Marx. Il «lavoro dello spirito» è il lavoro creativo, autonomo, il lavoro umano considerato in tutta la sua attuosa, operosa, potenza, e volgersi alla sua affermazione significa liberazione di ogni attività dalla condizione di lavoro comandato, dipendente, e cioè alienato. Ma il suo dissolversi nella forma capitalistica di produzione, nell'universale macchinismo, che fagocita quella Scienza che pure è l'autentico motore dello sviluppo, finisce col delegittimare la stessa autorità politica, che nella «promessa di liberazione» trova il proprio fondamento. La «gabbia di acciaio» è destinata dunque a imprigionare anche quel «lavoro dello spirito» che è la prassi politica? Lo spirito del capitalismo finirà col destrutturare completamente lo spazio del Politico, riducendolo alla forma del contratto? O tra Scienza e Politica sono ancora pensabili e possibili relazioni che ci affranchino dal nostro «debito» nei confronti del procedere senza mete né fini del sistema tecnicoeconomico? “

Ti dico subito che le conclusioni cui siamo giunti e brevemente esposte qui di seguito, inducono ad un relativo ottimismo, nel senso che l'Europa può dirsi perdente ma non perduta e la professione politica può ancora recuperare il suo alto valore.

In due parole, la conclusione a cui siamo arrivati prevede che una Politica orientata al cambiamento, per essere efficace, deve essere attuata in due fasi.

Una Politica prima alla portata della società civile (denominabile perciò Metapolitica) da questa attuata attraverso un adeguato strumento la cui diffusione sia socialmente desiderabile e il cui “sottoprodotto” consista, di conseguenza, in un consenso elettorale per le forze politiche che patrocinano la detta Metapolitica.

Una Politica seconda attraverso la quale le forze politiche in questione, forti del menzionato consenso elettorale, potranno attuare le riforme che rendono il sistema economico più etico.

Detto questo, se è oramai evidente che gran parte dei mali che affliggono l'intero ecosistema provengono dal sistema economico e sociale capitalista, oramai degenerato conformemente al suo DNA, è altresì evidente che occorre urgentemente sostituirlo...con qualcosa di migliore.

In che modo?

Visti i danni che hanno caratterizzato i sistemi nati da “rivoluzioni”, ad es. Francese e Bolscevica (comunque oggi, fortunatamente, impossibili in Occidente), è alquanto evidente che un cambiamento salvifico non può che venire da una opportunametamorfosi”, cioè da un cambiamento interno, più o meno rapido, al livello delle “singole cellule” del sistema, oltretutto la sola oggi non solo possibile ma anche di una banalità sconcertante (!), quantomeno sul piano concettuale.

Da notare, però, che le “singole cellule”, sopra menzionate, NON SONO, contrariamente a quanto qualcuno vuol far credere, le singole persone: si tratterebbe di una via impraticabile!

Si tratta, invece, di singoli “beni e servizi” di consumo famigliare di prima necessità : un “segreto” di cui nessun economista parlerà, sia esso in buona fede (per ignoranza) o cattiva fede (per divieto da parte dei suoi “padroni”).

Vediamo meglio.

Consideriamo che gran parte dei detti beni e servizi possono essere prodotti:

A - sia  per essere destinati a terzi (“valori di scambio” oggetto di compravendita sul Mercato), e in questo caso siamo nel Paradigma dell'Eteronomia  dove (teoricamente) vige la concorrenza fra produttori (aziende composte da Lavoro e Capitale dove quest'ultimo generalmente predomina: da cui l'appellativo Capitalismo) e dove il “pesce grande” mangia il “pesce piccolo” (la concorrenza, ipotizzata nella teoria, va scemando nella pratica, con conseguente concentrazione della ricchezza in poche mani).

B - sia per consumo proprio (“valori d'uso” destinati alla collettività produttrice, quale una famiglia o, in Occidente, una Cooperativa di auto-produzione, cioè una Mutua). Le collettività qui in questione sono quelle private : quelle pubbliche (costituite dai cittadini di Comuni, Regioni e Nazioni) sono vocate all'auto-produzione di servizi collettivi, indivisibili, come ad es. l'ordine pubblico, erogati gratuitamente e finanziati con la fiscalità.

Qui siamo nel Paradigma dell'Autonomia dove vige la solidarietà: non c'è competizione né interna (fra il Capitale e il Lavoro) né esterna (fra le diverse collettività auto-produttrici che tenderanno, anzi, a collaborare dato che “l'unione fa la forza”).

Ed ecco, finalmente, il modo (il solo) attraverso il quale si può cambiare il sistema economico e sociale in senso favorevole all'ecosistema:

“Occorre provocare una sua metamorfosi , attraverso una Metapolitica attuata dalla società civile, consistente nel trasferimento di un certo numero di beni e servizi di prima necessità dal Paradigma dell'Eteronomia a quello dell'Autonomia. E questo è possibile realizzando inedite Cooperative di auto-produzione (Mutue) multi-attività, denominate Convivi, caratterizzate, proprio grazie alla multi-attività, da una presenza relativamente elevata di soci-lavoratori (oltre che utenti). Tali Cooperative sono destinate a diffondersi ovunque coesistano “risorse produttive inutilizzate”, lavoro in primis, e “bisogni essenziali non soddisfatti”. Seguendo questa via, implicante la (re)localizzazione di molte attività produttive, ad esempio dell'agroalimentare, può essere eliminata l'inattività involontaria in un sistema economico, dove permane la libera iniziativa, e che tende alla sostenibilità ambientale, oltre che sociale.

Si ricordi qui la “profezia” di Alexander Langer: “La conversione ecologica potrà affermarsi soltanto se apparirà socialmente desiderabile”.

Detto altrimenti: la conversione ecologica potrà aver luogo non tanto per una diffusa, quanto illusoria, responsabilità sociale  implicante un costo individuale (una strada in salita), bensì seguendo una via, ad oggi occultata (!), che porta all'interesse collettivo (comprendente la conversione ecologica) attraverso il perseguimento dell'interesse individuale tra cui un reddito da lavoro per chiunque lo desideri (una strada in discesa).

La Metapolitica imperniata sulla diffusione dei Convivi, attuabile dalla società civile, mira proprio alla sostenibilità socio-ambientale attraverso una particolare metamorfosi del sistema, nel quale l'auto-produzione (Autonomia), in un nuovo contesto di “competitività inter-paradigmatica”, riprende, né più né meno, il ruolo che le compete.

Da notare che una tale metamorfosi è non solo alla portata della società civile, ma quest'ultima è anche la sola che può attuarla, beninteso con la normativa vigente perché, in caso contrario, essa sarebbe alla mercé della “Politica seconda” la quale è nelle mani di chi dispone degli organi d'informazione e cioè dei fautori del rovinoso status-quo.

In altre parole le principali aspirazioni di una società, e cioè la piena attività permanente (disoccupazione zero) e la libera iniziativa  economica, ottenute nel rispetto della natura (pilastri della Dottrina sociale cristiana), considerate inconciliabili (sic!) dalla cosiddetta “Scienza economica” sono esclusivo appannaggio di una Metapolitica (Politica prima), attuabile dalla società civile, e NON della Politica seconda, fosse anche impostata democraticamente, vocata unicamente alla formulazione delle norme.

Purtroppo la Scienza economica ufficiale dà per scontata la sola presenza del Capitalismo (da cui il dogma del TINA-There Is No Alternative, colossale “fake news” dei nostri tempi!

I Partiti politici che approvano gli obiettivi della detta Metapolitica ispirata alla“ Ideologia” cristiana, potranno fare, al più, da Patrocinatori, incorporando tale ruolo nel loro programma (mettendo così in pratica la Sussidiarietà, altro pilastro della Dottrina sociale cristiana) raccogliendo in tal modo il consenso elettorale, che costituisce il prezioso “sottoprodotto” della detta Metapolitica , e utilizzandolo a buon fine.

Potrà sembrare strano che la religione non abbia esaurito il suo ruolo nemmeno in Occidente ma questo, già profetizzato da Pasolini (“l'opposizione al nuovo potere non può che essere anche religiosa” ), è condiviso anche dai “Convivialisti” di Alain Caillé ed è anche ripreso nel tuo libro Il lavoro dello spirito (pag. 26-29).

Le argomentazioni sopra riportate fanno sicuramente sorgere alcune domande che saremo ben contenti di affrontare insieme con te, proprio alla luce della tua analisi pubblicata nel “Il lavoro dello spirito”.

Per approfondimenti si rinvia alle pubblicazioni disponibili gratuitamente, su richiesta, all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Grazie e a presto.

Gianfranco               

 

P.S. per ulteriori approfondimenti sull'argomento puoi trovare articoli nel mio blog: www.gianfrancotrabuio.it all'interno della cartella "Europa Cristiana".    

Domenica, 19 Febbraio 2023 16:26

LA MADONNA CI PARLA

RIFLESSIONI STORICO-RELIGIOSE

Ad uso dei pellegrini

medaglia miracolosa fr

Madonna di Medjugorje 

 

DA SANTA CATERINA LABOURÉ (LA MEDAGLIA MIRACOLOSA)

A LOURDES, DA GERUSALEMME A MEDIUGORJE E SAN NICOLÀS (ARGENTINA).

IN TRENO, DA VENEZIA ALLA GROTTA DI MASSABIELLE

 

UN’OCCASIONE PER RIPERCORRERE NELLA FEDE IL RUOLO DELLA MADRE DI GESÙ PER LA SALVEZZA DELL’UMANITÀ

 

Martedì, 31 Gennaio 2023 14:43

KALYKANTUS

KALYKANTUS

 

 

Mille fiori gialli profumati

mi osservano mentre passo

il tuo aroma primitivo

mi raggiunge nei pensieri

mi seduce nella memoria

lontani mi raggiungono

messaggi ansimanti

di ansia

di passioni

solo il gelo è presente

su questo sentiero

e quel pettirosso

mi guarda curioso

anche lui ti cerca

sa quali coccole

mandano quegli occhi

socchiusi

appassionati

silenti.

                                                                                                                                                                               PETTIROSSO

È con grande entusiasmo che ho accettato l’invito di FLarte, da parte di Paola Salmaso Lucianetti, di scrivere qualcosa di molto importante nella storia culturale e umana di Francesco Lucianetti con riferimento al tema delle acque nella sua vasta e variegata produzione artistica.

Con Francesco Lucianetti, architetto, scultore, incisore, grafico e pittore, ho avuto una frequentazione artistica nel corso di quarant’anni, fino al termine della sua esperienza terrena, e condensare in un articolo un tema così composito della sua produzione artistica come quello delle acque è un’impresa certamente complessa.

Troppo intensa è stata la sua ispirazione su questa frontiera e molto articolata la sua produzione, proprio perché Francesco non si limitava ad un’unica strategia compositiva nelle sue opere. Era talmente grande il fuoco che aveva dentro la sua immaginazione e inesauribile l’amore per le rappresentazioni pittoriche, che certamente sarà ricordato come uno dei più rappresentativi artisti della nostra contemporaneità.

Prima di tutto è necessario ricordare come Francesco fosse un uomo che amava le acque in quanto navigatore esperto nell’arte della vela e appassionato vogatore, pertanto la sua frequentazione con quegli ambienti così suggestivi e stimolanti non poteva non influire sulle sue manifestazioni artistiche, che tento di semplificare trattandole come un sistema di coordinate in un iperspazio creativo dentro al quale lui poteva proprio navigare traendo le ispirazioni multifattoriali che poi manifestava in modo stupendamente aggressivo e provocante sulle tele e sulle carte. Bisognava viverci accanto quando lavorava alle sue espressioni artistiche per intuire quale vulcano avesse dentro il suo cuore di uomo innamorato della natura e della storia. Sì, perché per Francesco non c’erano separatezze tra i vari temi, la sua cultura era talmente vasta e articolata che comunque quello che produceva aveva un fascino straordinario, e non tutto quello che dipingeva o narrava con lo stilo era di facile comprensione. E quando qualche estimatore delle sue opere era in difficoltà a capire o a interpretare quello che aveva realizzato, reagiva quasi arrabbiato, a me è capitato.

Poiché con Francesco abbiamo lavorato insieme nel mondo dell'arte, non potevano mancare alcune mie poesie che lui da grande grafico ha illustrato in alcuni dei miei canzonieri.

Ora, ritornando a quella mia intuizione, di tipo matematico-geometrico, parlando di iperspazio provo a partire da una prima coordinata: le acque della sua amata città di Padova.

Credo che l’opera più emblematica sia la litografia sui porti lungo le vie d’acqua che qualche secolo fa attraversavano la città di Antenore. Ammirare l’opera significa immergersi nell’animo dell’artista che immagina di essere a bordo di un drone e fotografare Padova cinta dalle sue mura e percorsa dai suoi fiumi e dai canali di collegamento, in una visione di vita quotidiana, con le barche che fluiscono con le merci verso i porti, le attività industriose degli uomini, i palazzi importanti e imponenti, le porte di accesso alla città….. Il tutto cablato come in un mosaico dove l’antropologo e lo storico possono immergersi e narrare come in un film la vita pulsante della città degli uomini. Sì, perché Francesco aveva dalla sua una conoscenza straordinaria della storia e dei costumi che rappresentava con una minuziosità che solo l’occhio dell’esperto poteva vedere e vivere nella sua compiutezza.

 Padova gli antichi porti fluviali del 500 SITO

 

Seconda coordinata: Venezia e la sua laguna. Francesco aveva avuto modo di immergersi nella vita e nella storia della Serenissima durante il suo percorso di studi presso l’Istituto Universitario di Architettura, aveva avuto modo di assaporare quel clima culturale magico che nei secoli innumerevoli poeti e paesaggisti avevano cantato nelle loro opere.

Francesco è stato un grande ritrattista di Venezia, città dalla quale partiva per le sue scorribande navali in Alto Adriatico. Di lei amava tutto: i palazzi che si specchiano sull’acqua, la nebbia sottile che pervade ogni angolo di Laguna, i colori sgargianti del Carnevale, il mistero che la combinazione di questi fattori dona a una città unica. L’ha rappresentata in tutti i modi: come maestosa regina della Laguna nella fierezza dei suoi cavalli di bronzo, come teatro di maschere arcane immerse nella nebbia dorata, come ancella fedele della sua tavolozza di colori, indomabile e allo stesso tempo domata dall’arte. Così era per lui Venezia. Francesco riusciva a incanalare con la sua tecnica sopraffina l’eterna bellezza di Venezia e delle sue acque. Per rappresentare tanta maestà Francesco preferiva i colori dell’oro, dell’argento, del verde smeraldo, fondendoli insieme per rappresentare la placidità delle acque della Laguna, i tremolii delicati della bruma o le superbe architetture, che così bene ritraeva nelle più ardite prospettive.

BORA

Dalla laguna eri emersa

e venivi a riva

altera

romantica

avvolta di mistero

fasciata di nero

lontana

intoccabile

appartenevi a un’altra casta.

E sei casta

intoccabile a un paria

che invano ha osato

guardare di dentro

scoprendo tesori preziosi

inaccessibili

ai generosi slanci

tutti negletti

e tu statua che vaghi

solenne

tra freddi di bora

ti allontani

lenta

perché sottile

sia il dolore.

(da "Canti Veneziani", Piazza Editore, Silea, 2021)

VENEZIA LAGUNA E CARNEVALE SITO

Terza coordinata: la Brenta e le sue ville. Come condensare in poco spazio l’immensa potenza espressiva di Francesco nella produzione di tutte le ville dei patrizi veneziani lungo il Naviglio della Brenta, da Padova a Venezia e ritorno. Come in tutte le opere del nostro artista non è sufficiente guardare l’insieme della rappresentazione per intuirne la poetica. Il lirismo emerge dai particolari della grafica che fa intuire la vita dei personaggi che hanno dato vita a quelle architetture solenni, a quei parchi, ai giardini, alle peschiere. Ma soprattutto la poiesis della poesia scaturisce dal lento fluire delle acque dalla dolcezza del clima culturale, dagli intrecci amorosi che generosamente quel clima provocava e dall’immergersi nella natura, nell’ambiente agreste.

 

SIDDHARTA

Hai così vaga l’anima

e

sei presente

con mille emozioni

su questo fiume

lento

manca Siddharta e

manca la barca

ma

io ti vedo

ninfa superba

sull’acqua

e mi lascio portare

tra i canneti

un andare infinito

verso una laguna d’amore.

 ( Da "Non varrà più la pena", Edizioni La Press, Fiesso d'Artico, 1991)

VILLAPISANI SITO

 

Quarta coordinata: le acque della campagna veneta. La pianura veneta è il biotopo delle risorgive, l’ambiente tanto caro a tutti i narratori della bellezza dei sentimenti e delle emozioni che scaturiscono dalla pace della campagna veneta.

Ed è in quella narrazione e in quell’ambiente che si innesta il polittico litografico che ben esprime la poesia della voga di due barche con i rematori in piedi a poppa nella tipica voga veneta, nelle placide acque della laguna e delle barene in questo paesaggio fluviale. Suggestiva per i sentimenti che trasmette è la figura femminile, nel più efficace messaggio muliebre, a prua di una delle barche mentre gioca con i cigni prossimi all’imbarcazione. L’ambiente da solo comunica la pace e la serenità tanto rare nelle opere di Francesco. E anche in questa scenografia suggestiva non manca il ranocchio come un cartiglio ai piedi del polittico a indicare la firma dell’autore.

 

 LACUSTRE CON CIGNI SITO ridotto

 

MIO VENETO

Campagna amica mia

dai fuochi sui campi nebbiosi

di tralci potati da viti inesauste

mio Veneto mia terra

laborioso e solerte

ferace e fedele

gioioso ed arguto

generosa e mai stanca

questa mia terra amata

ti guardo dal treno

e mi mandi emozioni

ricordi vissuti con te

tenera amante

di corse sfrenate

di cime salite

di guadi nascosti

al tramonto che manda

gli ultimi slanci di un sole velato

una stretta al cuore

nostalgia di un’attesa

ma c’è un focolare.

(Da "Primavera di speranza", Piazza Editore, Silea, 2010)

Quinta coordinata: le barche a vela. Dulcis in fundo la quinta coordinata dell’iperspazio lucianettiano: le barche a vela. Da grande velista non poteva mancare nella iconografia di Francesco l’amore per la vela e per il mare. Il messaggio che traspare in queste immagini è la spinta del vento che gonfia le vele  e spinge il nostro Francesco verso porti e approdi lontani, sempre comunque ricchi di novità per un artista mai sazio delle sue scoperte.

 

LA VELA DI PRADA SITO

 Concludo questa rassegna, senza dubbio breve e sintetica, sulla poetica delle acque in Francesco Lucianetti descrivendo il messaggio fortissimo che viene veicolato da una scultura bronzea: il celestial nocchiero. Un rematore, con due remi, emblema della voga veneta, in piedi a poppa, nella sua barca fantastica, in stile marinettiano futurista a rappresentare la inesauribile potenza espressiva del nostro artista.

 

Celestial Nocchiero SITO

Pagina 1 di 22