Martedì, Novembre 24, 2020
Mercoledì, 06 Luglio 2016 21:38

Bergoglio: «Questa economia uccide», l’alternativa è il Civismo In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)

Bergoglio: «Questa economia uccide», l’alternativa è il Civismo e in questo articolo provo a spiegarlo.


Papa Francesco ripete che il modello di sviluppo globale è insostenibile. Definisce il denaro «sterco del diavolo». Descrive gli effetti devastanti del capitale divenuto «idolo». E riconosce che il cambiamento può venire da «chi coltiva semi di speranza piantati pazientemente nelle periferie dimenticate del pianeta»
Non si può parlare di economia sociale senza illustrare il pensiero del Papa venuto dalla fine del mondo.
In questo articolo tento di illustrare come dal pensiero del magistero cristiano maturato con l’ultima enciclica di Papa Francesco “Laudato si’”, abbiano preso le mosse alcuni studiosi cristiani di economia, prima pubblicando un libro che è una specie di rivoluzione scientifica in campo economico: “LA DIGNITÀ DELLE NAZIONI”, edito da Amazon.it a giugno del 2015, proprio in contemporanea con l’uscita dell’enciclica papale; e successivamente, visto l’interesse suscitato negli ambienti coinvolti nella Dottrina Sociale della Chiesa Cattolica, con l’attuale pubblicazione del seguito di quel trattato, ovvero una specie di Manuale Operativo per la realizzazione di quanto elaborato in precedenza: IL MANIFESTO DEL CIVISMO.
Il gruppo di studiosi cattolici si firma con la sigla WORLD-LAB proprio per mandare un messaggio al mondo accademico e ecclesiastico che non è la visione utopica di qualche sognatore romantico, ma un modello talmente strutturato e reso operativo da poter essere immediatamente realizzato.
Il sistema di sviluppo che avvolge l’umanità e il mondo non è sostenibile. Chiedere un cambiamento non è utopia, ma puro realismo. Non c’è da sognare paradisi in terra, ma solo da rimuovere i meccanismi perversi e autodistruttivi che impediscono una vita dignitosa per tutti. E il futuro dell’umanità non è solo nelle mani dei grandi leader, delle grandi potenze e delle élite, ma da chi «pianta germogli nelle periferie» e «vive ogni giorno nella nudità della tempesta umana».
Papa Francesco nel suo viaggio in Bolivia incontra nella Expo Feria di Santa Cruz de la Sierra più di 1500 delegati dei Movimenti popolari dell’America Latina e degli altri continenti. Cartoneros, Sem Terra, cooperative contadine, movimenti di lotta per la casa e i diritti degli indigeni, delle donne e di tutte le innumerevoli facce della marginalità urbana e rurale. Affiancato al tavolo dal Presidente boliviano Evo Morales, Papa Francesco ascolta la lettura della «lettera di santa Cruz», la sintesi dei lavori dell’assemblea dove si snocciolano tutte le richieste e i desiderata per un «superamento del modello neo-capitalista» e l’avvento «dell’economia popolare, sociale e comunitaria, in cui prevalga la solidarietà sulla ricerca del profitto».

bergoglio e morales

Papa Francesco con il Presidente boliviano Morales


L’intervento di Morales si lancia in una lunga apologia della sua «rivoluzione indigenista», alternando strali contro «l’imperialismo nordamericano», il Fondo monetario internazionale e «l’anarchia finanziaria» imposta al mondo dal capitalismo internazionale. Infine prende la parola il Papa, che all’inizio del suo intervento si rallegra delle porte che si aprono e dei nuovi spazi di incontro tra il magma caotico dei «movimientos populares» e la Chiesa, disposta a mettersi in gioco, ad «accompagnare» chi cerca i modi migliori per «superare le gravi situazioni di ingiustizia che soffrono gli esclusi di tutto il mondo».
Bergoglio nel suo intervento mette le mani avanti, dice che non ha ricette pronte da proporre, perché «Né il Papa né la Chiesa hanno il monopolio della interpretazione della realtà sociale né la proposta di soluzioni ai problemi contemporanei». Ma il suo discorso lucido e appassionato, pieno di calorosi segnali d’intesa lanciati ai delegati dei movimenti, segna sul terreno sociale e politico uno dei momenti-chiave del suo viaggio. Parla ai movimenti popolari latinoamericani, ma guarda al mondo, spazzando via il clichè del «Papa della Pampa» in cui cercano di chiuderlo i suoi detrattori. Perché i problemi che tocca riguardano l'umanità intera e «hanno una matrice globale». Anche lui applica alle dinamiche del mondo uno sguardo «globale», diverso e imparagonabile rispetto a quelli dell’omologazione tecnocratico-liberista o delle ormai tramontate utopie idealiste (liberismo e comunismo in primis). Uno sguardo, realista, e pieno di speranza evangelica.
Bergoglio ha iniziato prendendo atto che «in un mondo dove ci sono tanti contadini senza terra, tante famiglie senza casa, tanti lavoratori senza diritti», dove esplodono «guerre insensate» e viene devastata la terra, vuol dire che «le cose non stanno andando bene» e c’è «bisogno di un cambiamento». Le dinamiche di oppressione, esclusione e devastazione che dilagano nel mondo non vanno viste come problemi isolati. Esse – ha fatto notare il Papa argentino - «rispondono a un sistema che è diventato globale». Un sistema che «ha imposto la logica del profitto a ogni costo» e che adesso «non regge più... non lo sopportano i contadini, i lavoratori, le comunità, i villaggi.... E non lo sopporta più la Terra, la sorella Madre Terra». La radice del male viene indicata da Papa Francesco nell’ingordigia rapace che domina e fa muovere tutto il sistema. Dietro «tanta morte e distruzione», ha detto il Vescovo di Roma, riecheggiando il linguaggio dei Padri della Chiesa, «si sente il tanfo di ciò che Basilio di Cesarea chiamava lo “sterco del diavolo”». Perché «Quando il capitale diventa idolo e dirige le scelte degli esseri umani, quando l’avidità di denaro controlla l’intero sistema socio-economico, rovina la società, condanna l’uomo, lo fa diventare uno schiavo, distrugge la fraternità interumana, spinge popolo contro popolo e, come si vede, minaccia anche questa nostra casa comune».
Davanti a questo scenario, Papa Francesco ha stigmatizzato «un certo eccesso diagnostico che a volte ci porta a un pessimismo parolaio o a crogiolarci nel negativo». Ha anche mandato in archivio le ricette care al «conservatorismo compassionevole», che pretende di coprire con qualche palliativo filantropico gli effetti devastanti del darwinismo sociale. «Non basta lasciare cadere alcune gocce quando i poveri agitano questo bicchiere che mai si versa da solo» ha detto Papa Bergoglio, ricordando che «i piani di assistenza che servono a certe emergenze dovrebbero essere pensati solo come risposte transitorie. Non potranno mai sostituire la vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso».
Il ragionamento del Papa è molto bene illustrato dagli autori di World-Lab quando sostengono che bisognerebbe eliminare il Premio Nobel per l’Economia: nessuno dei premi Nobel per l’Economia ha costruito ricette per risolvere i problemi causati dal pensiero liberista imperante nelle Accademie. Sembra che i commissari del premio siano una specie di confraternita dedita a premiarsi tra di loro per la bellezza delle loro teorie indipendentemente dagli effetti. Questo ha fatto affermare al Papa in più riprese che quella economia uccide. Ma non uccide solo l’uomo, uccide la terra , uccide la natura, uccide il creato!
Il «cambiamento» prefigurato come necessario e urgente da Papa Francesco non ripercorre le strade fallite dei messianismi ideologici. Papa Francesco ripete che «questa economia uccide» e riconosce l’urgenza di «mettere l’economia al servizio dei popoli» perché gli esseri umani e la natura non devono essere al servizio del denaro. E l’economia «non dovrebbe essere un meccanismo di accumulazione, ma la buona amministrazione della casa comune». Tale inversione di rotta – insiste Bergoglio - «è non solo auspicabile e necessaria, ma anche possibile. Non è un’utopia o una fantasia. È una prospettiva estremamente realistica». Citando Paolo VI, ripete che le risorse disponibili nel mondo sono più che sufficienti per lo sviluppo integrale «di ogni uomo e di tutto l’uomo». E per una vita dignitosa occorre garantire a tutti l’accesso alle «tre T» (techo “tetto”, trabajo “lavoro”, tierra “terra”) per le quali lottano i movimenti popolari latinoamericani. Obiettivo minimale e raggiungibile. Da perseguire con pazienza, affidandosi ai tempi lunghi dei processi, alla «passione per il seminare, per l’irrigare con calma ciò che gli altri vedranno fiorire».

por nuestra madre terra
Ai movimenti popolari, sorti spontaneamente «dal basso», Papa Francesco riconosce un ruolo importante nel possibile innesco di processi di cambiamento globale. Li definisce «seminatori di cambiamento», «poeti sociali», «creatori di lavoro», «costruttori di case». «Voi, i più umili, gli sfruttati, i poveri e gli esclusi» ha detto Papa Francesco ai suoi interlocutori «potete fare e fate molto. Oserei dire che il futuro dell'umanità è in gran parte nelle vostre mani, nella vostra capacità di organizzare e promuovere alternative creative». A renderli preziosi fattori di rinnovamento è secondo Papa Francesco proprio il loro vivere «impregnati nella nudità della tempesta umana», la loro immanenza al vissuto reale che li immunizza dal contagio della «teorizzazione astratta e dell’indignazione elegante»: «Questo attaccamento al quartiere, alla terra, al territorio, all’occupazione, al sindacato, questo riconoscersi nel volto dell’altro» ha detto il Pontefice ai suoi interlocutori «è ciò che permette di esercitare il mandato dell’amore non partendo da idee o concetti, bensì partendo dal genuino incontro tra persone, perché non si amano né i concetti né le idee; si amano le persone... Da quei semi di speranza piantati pazientemente nelle periferie dimenticate del pianeta» ha aggiunto il Papa «cresceranno alberi grandi, sorgeranno boschi fitti di speranza per ossigenare questo mondo».
Nell’ultima parte del suo discorso-fiume, articolato e denso come una nuova mini-enciclica sociale, Papa Francesco ha descritto tre «grandi compiti» affidati ai movimenti popolari: quello di «mettere l’economia al servizio dei popoli», e quello di difendere la terra, casa comune, dai sistemi di sfruttamento predatorio. In questo contesto, Papa Francesco ha ripetuto con tutta la Tradizione che «l’equa distribuzione dei frutti della terra e del lavoro umano non è semplice filantropia» e «la destinazione universale dei beni non è un ornamento discorsivo della dottrina sociale della Chiesa. È una realtà antecedente alla proprietà privata».
«Il colonialismo, vecchio e nuovo» ha detto il Papa «riduce i paesi poveri a semplici fornitori di materie prime e manodopera a basso costo, genera violenza, povertà, migrazioni forzate e tutti i mali che abbiamo sotto gli occhi». Esso produce iniquità «e l’iniquità genera violenza che nessuna polizia, militari o servizi segreti sono in grado di fermare».
La Chiesa, i suoi figli e figlie» ha detto con parole mirate ed eloquenti il Papa argentino «sono una parte dell’identità dei popoli dell’America Latina. Identità che, sia qui che in altri Paesi, alcuni poteri sono determinati a cancellare, talvolta perché la nostra fede è rivoluzionaria, perché la nostra fede sfida la tirannia dell’idolo denaro».
E arriviamo al CIVISMO e al suo Manifesto pubblicato nel mese di giugno 2016 sempre su Amazon.it dal gruppo di esperti internazionali di World-Lab, e al quale rimando per gli opportuni approfondimenti.
Fra le varianti escogitate dall'Uomo per organizzare socialmente l'attività direttamente finalizzata alla propria sussistenza se ne possono distinguere alcune, esercitate in particolari contesti (le prime Comunità cristiane, i Monasteri Benedettini, i Falansteri Fourieristi, i Kibbutzim delle origini...le Comunità di hippies), le quali, nonostante la loro grande diversità esteriore, sono tuttavia accomunate dalle loro principali peculiarità.
In effetti, da un lato, esse nascono tutte per iniziativa privato-sociale (pur nelle diverse forme alle quali la Società civile può dar luogo) fondata su un “movente” comune, che si può definire solidarietà “reciproca” o “mutualistica” (che implica una qualche forma regolata di scambio al loro interno) per distinguerla dalla solidarietà che si può definire “universalistica” o “ filantropica” fondata invece sulla generosità.
E, dall'altro, esse sono tutte caratterizzate da un circuito economico di produzione-consumo governato dal principio della programmazione.
In questo contesto di dimensione sensibilmente ridotta, rispetto ad un contesto nazionale, e semplificato dal fatto che si tratta essenzialmente di produzioni di beni e servizi di consumo finale e non riguardanti le intere filiere produttive, l'ottenimento delle informazioni, tanto in termini di domanda che di risorse, necessarie al buon esito della programmazione è relativamente agevole, soprattutto con la disponibilità attuale delle nuove Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione.
Va detto che se oggi la presenza di un “movente” comune alla base delle menzionate esperienze può essere generalmente condivisa riconoscendone esplicitamente la valenza economica oltre che socio-religioso-ideologica, ciò è in gran parte dovuto al pensiero e all'opera del Beato Toniolo (1845-1918).
È stato, in effetti, proprio il Toniolo a intuire che la solidarietà mutualistica esercitata nell'ambito di gruppi sociali privati poteva essere impiegata come “motore” per produrre e consumare, in ambito monetario, servizi individuali ed in particolare quelli che necessitano la “grande scala”, quali i servizi finanziari e previdenziali, e che quindi risulterebbero di pertinenza ideale del Mercato o dello Stato, Modalità economiche che nel mondo reale sono spesso latitanti e lasciano un vuoto nella risposta ai bisogni di consistenti parti della società e/o del territorio.
È doveroso altresì menzionare che un suo contemporaneo, Davide Lazzaretti (1834- 1878), sulla base della stessa intuizione ha utilizzato, in ambito non monetario, lo stesso “motore” per concepire e dar vita alla Società delle famiglie cristiane finalizzata alla produzione e consumo di beni e servizi di consumo famigliare corrente la cui produzione è compatibile con la “piccola scala”, e che quindi risultano di pertinenza ideale oltre che del Mercato (Modalità economica, come detto, non sempre accessibile), anche dell'auto-produzione domestica, questa sempre accessibile, in una qualche misura, ma quasi sempre scarsamente efficiente.
Il Lazzaretti ha insomma dimostrato, in complementarietà con il Beato Toniolo, che facendo leva sulla solidarietà mutualistica si possono colmare molte delle lacune esistenti nella soddisfazione dei bisogni, compresi i più elementari, di consistenti parti della società.
La Società delle famiglie cristiane ha avuto vita breve, vittima del suo successo, come il suo Fondatore, assassinato (giustiziato) dalle forze dell'ordine, in un grande bagno di sangue, mentre guidava una processione religiosa... “non autorizzata”, un chiaro pretesto per metter fine ad una pratica che, diffondendosi, poteva rivelarsi lesiva di interessi precostituiti. Pretesto successivamente confermatosi tale con la lunga persecuzione dei compagni del Lazzaretti (un martire che attende la sua, seppur laica, “beatificazione” e, comunque, meritevole di diventare, assieme al Beato Toniolo, un' “icona” sociale del futuro, sicuramente insieme ai numerosi cattolici impegnati per l’implementazione nella società dei principi della Dottrina Sociale della Chiesa.
In sostanza, dai tempi in cui l'Economia ha fatto il suo ingresso nella Scienza, il Beato Toniolo e Davide Lazzaretti possono essere considerati i primi “esploratori”, e poi “coloni-pionieri”, di un contesto economico da essi predisposto, grazie alle varianti di validità generale da essi poste in essere, fino a diventare la terza Modalità economica (le collettività intermedie auto produttrici) di una Scienza ancora in fieri al loro tempo.

copertina civismo
Per gli opportuni approfondimenti e le necessarie delucidazioni si rinviano i lettori alle due pubblicazioni citate degli autori di World-Lab: “LA DIGNITÀ DELLE NAZIONI” e il “MANIFESTO DEL CIVISMO” nelle quali, e senza complessi di qualunque tipo, viene affermata l’esistenza di una “ECONOMIA CRISTIANA” che fa proprie le indicazioni strategiche di Papa Francesco, che in questo momento storico in cui l’Occidente dimostra tutta la sua vulnerabilità culturale, ha il coraggio di dire a tutto il mondo che il liberismo come il comunismo sono “armi di distruzione dei popoli, della terra, della natura e del creato”.

Letto 2815 volte Ultima modifica il Venerdì, 08 Luglio 2016 13:48

1 commento

  • Link al commento Lisa Giovedì, 07 Luglio 2016 13:32 inviato da Lisa

    Grande Francesco, grande Gianfranco e tutti i santi, i beati e gli scomunicati!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.