Lunedì, Maggio 20, 2019
Articoli filtrati per data: Aprile 2018

 

Proprio in questi giorni ci vengono veicolati dal “media system” alcuni fatti emblematici del fenomeno culturale che si sta delineando all’orizzonte del nostro mondo italiano.
Mi riferisco ad almeno tre di questi eventi che stanno scuotendo dalle fondamenta il sistema valoriale di riferimento contenuto nella nostra Carta Costituzionale, ma ancor prima gli stessi principi erano stati fatti propri dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo deliberata dall’ONU nel lontano 1948.
Il sistema di potere oggi in Italia sta perseguitando chi non si allinea al “politicamente corretto” come risulta dai seguenti eventi:
1- i medici che si permettono di porre il problema della efficacia o della pericolosità delle vaccinazioni multiscopo vengono radiati dall’ormai famigerato Ordine professionale dei Medici; questo comporta per quei medici la impossibilità di esercitare la loro professione pena la denuncia alle autorità competenti e la correlata condanna, trattandosi di un reato penale secondo la nostra legislazione;
2- un’associazione validamente costituita per promuovere la conoscenza scientifica della vita dal concepimento alla morte naturale, viene perseguita penalmente con il reato di diffamazione, per aver esposto un manifesto gigante che illustra un fatto naturale e scientificamente provato come il “prodotto del concepimento” che sta crescendo nell’utero materno;
3- una laureata in medicina e chirurgia, psicoterapeuta e scrittrice di successo, che si permette di divulgare le acquisizioni scientifiche raccolte in anni di libera professione intorno al tema della omosessualità, viene denunciata per diffamazione dalle associazioni del variopinto mondo dell’omosessualità, del transessualismo e correlati movimenti ormai diventati virulenti nel corpo sociale del nostro mondo occidentale.

PRO VITA FOTO MANIFESTO

Ora, una domanda sorge spontanea: ma il diritto alla libertà di pensiero, il diritto alla libertà di parola, il diritto alla libertà di espressione che venivano tanto strombazzati qualche decennio fa dal sistema culturale facente capo alle lobbies della sinistra italiana e europea che fine hanno fatto?
E un parallelo dubbio sorge altrettanto spontaneo: ma ci stiamo islamizzando? Ovvero, sta prendendo il sopravvento la Carta dei diritti dell’Islam secondo la quale i diritti sopra menzionati vigono nelle comunità islamiche a patto che non contraddicano la Sharia, la legislazione mutuata dalle Sure del Corano?
Nel nostro Occidente post-cristiano il sistema di potere ha abiurato la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo promulgata dai fondatori degli Stati Uniti d’America e fatta propria dall’ONU, per sottomettersi alla nuova dittatura del “politicamente corretto”? Ebbene, sembra proprio di sì.

E qui, ora, non posso fare a meno di citare il buon Voltaire nel suo Dizionario Filosofico: " ... ma il fatto è che ci sono molti uomini destinati a ragionar male, altri a non ragionare affatto, e altri a perseguitare quelli che ragionano".


Troppi sono i fatti che ci colpiscono nella loro rivoluzionaria perversione che mira a distruggere quelli che solo alcuni decenni orsono erano i fondamenti valoriali delle nostre legislazioni. Oramai il sistema di potere a livello internazionale sta imponendo le sue innovative coordinate basate sulla costituzione del “Nuovo Ordine Mondiale”, tutto basato sulla dittatura del relativismo filosofico e etico che prevede la eliminazione delle religioni e dei principi sui quali l’Occidente si è formato nei secoli e ha prodotto lo sviluppo, non solo economico, del quale noi siamo stati i beneficiari e i promotori.
Per tentare di capire questa complessità siamo tutti invitati a partecipare all’incontro promosso dal PDF: Partito della Famiglia, che si terrà domenica pomeriggio presso la sede dell’Università Salesiana nella località Gazzera a Mestre, proprio con la dottoressa Silvana De Mari in attesa di processo per il reato di diffamazione e denunciata dal Circolo Mario Mieli di Roma e con l'avvocato Gianfranco Amato, fondatore del PDF: Partito della Famiglia.

locandina2

Pubblicato in ATTUALITA' POLITICA