Lunedì, Maggio 20, 2019
LE MIE POESIE

LE MIE POESIE (36)

Venerdì, 24 Agosto 2018 17:08

DA FORCELLA DEONA

Scritto da

COR AMANDO

L’ignoto non è visibile
forse neanche udibile
le nostre parole nate dal cuore
inondano l’etere
e fluiscono verso antenne lontane
chissà come arrivano a destinazione
quali distorsioni
quanti campi avversi
l’angoscia ti prende
non sai come catturare
momenti di estasi
rari e sfuggenti
tra queste montagne
tutto è aspro e difficile.

 

Forcella Déona, 18 agosto 2018

 

                                                                                                                                  SASSOLUNGO DI CIBIANA

Martedì, 14 Agosto 2018 14:08

DAL TORRENTE

Scritto da

SUL TORRENTE RITE A CIBIANA DI CADORE
11 AGOSTO 2018

 

 rocce sul torrente

 

L’immagine di quella roccia salda e imponente

investita dalla violenza impetuosa del torrente

manda un’effervescenza di spruzzi e rigurgiti d’acqua

ma quella roccia mai si sposterà

solo quando una tempesta d’acqua

smuoverà una roccia più grande

forse riuscirà a spostarla.


Mi vedo in quel masso tenace

che la violenza degli eventi della mia vita

non ha spostato

sono ancora fermo

come una prova di resistenza con la vita

ho bisogno di una tempesta

per far fluire quella roccia

che ancora resiste.

Sabato, 09 Dicembre 2017 15:35

QUARTO LIBRO DI POESIE

Scritto da

A TE........ CHE SPERI

In questi giorni ho ricevuto dalla tipografia il mio quarto libro di liriche che in una parte importante sono state ispirate da mia moglie Mara, prima, durante e dopo la sua terribile malattia che l'ha portata anzitempo nella Luce del Creatore.

“A te che speri” è una raccolta di poesie che fa seguito alla mia ultima pubblicazione “Primavera di speranza” edita nel 2010 e sempre accompagnata con le illustrazioni dell’artista Francesco Lucianetti. Il tema della speranza è presente come sfondo scenografico ai versi raccolti in questo libro che scaturiscono dalle mie vicissitudini umane ed esistenziali e continuo a esprimere nei versi l’anelito ultimo al bisogno di comunicare, sia con me stesso, con le persone che mi circondano con affetto, con mia moglie e con Dio.
Ora, tutti noi facciamo esperienza della speranza nella nostra vita. Possiamo affermare con sicurezza che tutto il progredire dell’uomo su questa terra è stato e continua ad essere motivato da questa virtù. Così, pur vivendo la vicissitudine dolorosa che mi ha colpito intendo descrivere nei versi il motivo fondante del mio cammino e quello di tutte le persone sensibili e in pellegrinaggio verso la meta sostenute dalla speranza: di un incontro, di un affetto, di un amore, di una comprensione che vada al di là della quotidianità per dipanarsi verso un orizzonte lungimirante di accoglienza e di comunicazione profonda con l’altro.
Di grande efficacia semiologica sono le interpretazioni grafiche delle poesie disegnate da Francesco Lucianetti, che in questa raccolta si è espresso con una potenza narrativa e con stilemi originali per aiutare il lettore ad emozionarsi ancora di più nella lettura dei sentimenti divulgati.

Cover Trabuio A te che speri 01

Mara in dialogo con Genoveffa, la gazza ladra che aveva allevata dopo la caduta dal nido.

La copertina della raccolta magistralmente disegnata da Francesco Lucianetti rappresenta un momento felice della vita di Mara quando, durante la sua malattia, abbiamo trovato nel giardino di casa una piccola gazza ladra caduta da un nido degli alberi. Con Mara l'abbiamo raccolta e accudita con amore, le abbiamo preparato un nido bellissimo, addirittura col tetto per ripararla dalla pioggia, su di un ramo del cedro deodara, e dopo un periodo di svezzamento in una gabbia adeguata, abbiamo cominciato a nutrirla dentro al nido. Con la scala a pioli le portavamo la pappa nel suo ricovero e le davamo da mangiare il pastone preparato con un cucchiaino. Intanto le avevamo dato anche un nome: Genoveffa. Era gioiosa e ci chiamava col suo stridulo vociare quando aveva fame e quando voleva farci festa. Quando è cresciuta e ha cominciato a svolazzare non intendeva più che le portassimo la pappa nel nido e veniva giù su di un grosso ramo del cedro dove, allora, le lasciavamo la pappa e lei veniva giù a nutrirsi.

Era una gioia per Mara che intratteneva con Genoveffa un dialogo simpatico fatto di gorgheggi e di parole. Quando, più matura cominciò a volare sul serio, al pomeriggio quando Mara dava da bere ai fiori le volava intorno facendole festa e la accompagnava in questo impegno. Quando ritenne di essere matura se ne andò per il suo cielo, ma al mattino presto per un po' di tempo ritornava a farsi sentire con il suo verso caratteristico per la gioia di Mara che la ricordava con emozione e commozione.

locandinanew

 

La presentazione sarà curata da mio figlio Giovanni che ha scritto la prefazione della raccolta, mentre mia figlia Antonella, che ha scritto la postfazione, durante la presentazione si occuperà dell'accompagnamento musicale alla voce recitante del bravo attore Adriano Spolaor.

Il ricavato della vendita di questa pubblicazione andrà all’Opera Pia di Terra Santa presso fra Adriano Contran ofm Vice Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, Convento S. Antonio di Marghera.

Così anche tu potrai contribuire a sostenere le “pietre vive” nei Luoghi Santi.

Da otto secoli i frati francescani continuano la loro missione, iniziata da San Francesco di Assisi nel 1217, contando sull’aiuto dei cristiani di ogni parte del mondo.

 

Giovedì, 30 Marzo 2017 14:34

ALBA A THUBIANA

Scritto da

L'anno scorso ero solo nel nostro rifugio cadorino in quel di Cibiana, era l'alba e mi è salito un groppo alla gola, quello che stavo vivendo nella nostra vita, quella mia e di mia moglie Mara, era veramente difficile. Solo la fede ci ha sostenuti in quell'arduo sentiero della nostra vita. Questi poveri versi sono scaturiti con immediatezza e spontaneità.

Li ho scritti in italiano e poi una brava maestra di Cibiana di Cadore, la signora Liviana, mi ha aiutato a renderli in ladino cibianese, molto più sensuale e profondo dell'italiano. Ora questa poesia è stata premiata al XXIII Concorso di Poesia dell'Università Popolare di Spinea, al quale sono stato "costretto" a partecipare dal caro amico Silvio De Bei, e a lui vanno i miei sentimenti di riconoscenza e di gratitudine.

 

ALBA A THUBIANA

Èco l’alba che rua
thimes de le Dolomiti inluminades de rosa
pian pianin le vien roanes
‘l e silenthio dapardhuto
al bosco tasendo
‘l i dis “ben ruà” a la bavesela de vento
che vien dho dal thiel
son solo a medità
e penso su, in medho a sta beletha,
a la rabies e a la speranthes
che no realidharei mèi
incuoi bonora a l’alba
solo al Signor al me fas compagnia.

alba sul pelmo 2

ALBA A CIBIANA

Ecco l’alba che arriva
creste dolomitiche illuminate di rosa
lentamente arrossiscono
tutto è silenzio
il bosco taciturno
accoglie la brezza che scende dall’alto
sono solo a pensare
e medito immerso nel bello
le angustie e i desideri
che mai realizzo
stamane all’alba
solo Dio mi fa compagnia.

 

 PREMIO DI POESIA A SPINEA 210729032017

 

 

 

Sabato, 18 Marzo 2017 20:54

TENERA E' LA NOTTE

Scritto da

TENERA È LA NOTTE

Tenera è la notte anche se gelida
questo cielo trasparente
illuminato dalla luna piena
rimanda al mio cammino
viandante disperso
nel silenzio e nella solitudine
mi vedo su ardui sentieri
e rischiosi
tra le rocce amate
su ferrate lontane
senza sicurezza
in libera ascesa
appeso alla parete
mi manchi
e non si può tornare indietro.

 

ferrata roghel

                                                                                                                           La ferrata Roghel sotto i campanili di Popera

 

Venerdì, 06 Gennaio 2017 17:06

FONDAMENTA NUOVE

Scritto da

                

                                Faro di Murano dalle Fondamenta Nuove

Il vento del nord impetuoso
spazza la laguna increspata
come la mia anima
con tanti pensieri
l’isola dei morti è lì davanti
coperta di cipressi
e sempre un faro si erge all’orizzonte
mentre il sole al tramonto
in questa nebbia soffusa
fa intravedere qualcosa di me
povera anima confusa
verso la notte della coscienza
e ti penso ormai lontana
tra gli angeli e i santi
a godere questo sole rosso
alle fondamenta nuove
che illumina e acceca
come quel giorno a Burano
quanto eri bella d’inverno
quegli occhi incantati e sorridenti
parlavano dell’amore sempre taciuto.

                                       Mara in laguna inverno 1973

                                                     Mara in laguna a Burano, inverno 1973

Lunedì, 05 Dicembre 2016 17:39

LUNA PIENA

Scritto da

 

NATIVITA DI FILIPPO LIPPI

Natività di Filippo Lippi (1406 - 1469)

Luna piena

 Sono nel pieno della notte

ormai da tempo

non vedo stelle polari

nel mio orizzonte

solo meteoriti di passaggio

e mentre ti guardo

splendida luna d’argento

rivedo i miei sentieri

percorsi romantici

ricchi di malinconia

e mi commuovo

penso a te al mio fianco

tenera guida

in questa notte

la luna piena mi guarda

enorme e brillante

mi parla nel silenzio e nel gelo

parole sussurrate al mio cuore

ornato di rami di vischio e di agrifoglio

per questo Natale

di solitudine e di nostalgia.

 vischio e agrifoglio

 

Lunedì, 17 Ottobre 2016 11:17

LA LUNA E TU

Scritto da

 

luna piena di ottobre 2016

 

LA LUNA E TU                               
È serena questa notte
mentre il cuore sofferente
dà segni di impotenza
questo pensiero che Mara è volata via
mi angustia e mi tormenta
molti mi dicono di smetterla
ma da soli la fatica è penosa
la notte è lì fuori
ma è anche dentro
e mentre esco una luna piena
trasparente e vanitosa
mi guarda
mi manda segnali di luce
mi parla
sembra rispondere alla mia angoscia
con la semplicità di un bambino
la vita e la morte non sei tu
Dio ti ha donato tutto
e tutto ritorna al Creatore
Mara è ritornata
tu continua a navigare
altri porti
altri fari
ti aspettano
ancora avrai il dono della scoperta
e mai rassegnazione.
Lunedì, 12 Settembre 2016 23:14

ALBA ROSATA AL CAVALLINO

Scritto da

 

alba rosata al cavallino1

Lontane quelle albe rosate

qui sul lungomare dalle suore          

quando i nostri pensieri
erano come crescere i figli
cara la mia mammina
ora sono qui solo
a cercare un sogno
i nostri sogni
chissà dove finiti
dopo la grande sofferenza
l’intenso patire per terapie senza ritorno
cammino nell’alba
sul bagnasciuga pulito di fresco
solo le mie orme mi seguono
eppure ti cerco
nella risacca serena del mare
sento vibrare il tuo cuore
ancora una volta
ti sento vicina
ed ecco improvvisa
una gazza spicca il volo
da un leccio del parco
a volo radente mi sfiora
sento la tua carezza sul mio volto
tenerezze mai avute prima
solo ora vicina al Signore
le sofferenze e le privazioni
lasciano il posto
alle compassioni.             

                                                le gazze nel parco delle suore1


Cavallino, 9 settembre 2016

Martedì, 06 Settembre 2016 14:05

MEMORIA E MALINCONIA

Scritto da

                                             

ciliegi rosa        La ferrata Roghel al popera 300   

   La natura si veste di rosa                                 La ferrata Roghel al Popera anno 1973

 

         Da qualche anno ormai

         questa strada dissestata

         scrostata

         mi ha ridotto così

         neanche la vena per scrivere un verso

         un pensiero

         lontani quei giorni

         quelle gimkane tra i colli

         rosati di ciliegi fioriti

         con la natura che serena

         dava la vita e lo slancio

         per sempre nuove imprese

         scalate sulle crode cadorine

         corse da brivido sulla Pinarello

         mai una paura

         solo entusiasmo

         e sempre tu che vicina

         arrancavi sorridente

         feconda d’amore

         e di compassione.

        

        marzo 2016

    Mara ai piedi della Roghel 300dpi               bici pinarello

      Mara ai piedi della Roghel, anno 1973                      La mia vecchia Pinarello carica di glorie

                                                                                                           

                 

Pagina 1 di 3